In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Cosenza punta ancora sulla città dei ragazzi

Cosenza Attualità
La città dei ragazzi

Nel progetto di “città a misura di bambino” del sindaco Occhiuto, non può che rivestire una importanza strategica la Città dei Ragazzi la quale, con i suoi 33.000 metri quadrati, tra spazi aperti e chiusi, è pensata proprio come una piccola città, tra i pochi esempi in Italia di luogo di aggregazione per i giovanissimi.

L'Amministrazione comunale vuole valorizzare la struttura, offrendo ai bambini – dai 4 ai 14 anni – un luogo in cui possono davvero liberare la creatività e stimolare la loro voglia di conoscenza e rispondere, allo stesso tempo, alle esigenze della vita quotidiana, ponendosi come alternativa ai tradizionali servizi di tipo scolastico.

Nell'atto di indirizzo che la Giunta, presieduta dal Sindaco Occhiuto, ha approvato oggi, viene così delineato il quadro dei servizi che la Città dei Ragazzi deve offrire, precisando che l'affidamento in gestione, il cui iter sarà predisposto dagli uffici, sarà per la durata di cinque anni e che il Comune interverrà con un co-finanziamento di un milione di euro nel quinquennio.

I servizi che l'Amministrazione intende offrire vengono così precisati: istituzione all'interno della struttura di un nido d’infanzia; garanzia dell’accesso gratuito all’interno della struttura e, di conseguenza, alle attività ludiche e didattiche programmate a tutti i bambini appartenenti a nuclei familiari disagiati o rientranti nelle categorie protette; garanzia ai piccoli utenti affetti da gravi disabilità l’accesso gratuito se appartenente a nuclei familiari meno abbienti e a tutti, comunque, assicurare l’assistenza alla persona/comunicazione da parte di operatori professionalmente qualificati durante i programmi di intrattenimento; apertura della struttura per un minimo di 5 giorni a settimana (da lunedì a venerdì) e per un minimo di 5 ore giornaliere, secondo programmazioni differenziate che tengano in considerazione i periodi di apertura o di chiusura delle scuole, mantenendo tuttavia caratteristiche di flessibilità nei tempi e nelle modalità di erogazione delle prestazioni; garanzia, in particolare nel periodo dell’intrattenimento estivo, di servizi anche nelle ore pomeridiane, per una più efficiente e dinamica operatività della struttura; gestione all’interno della struttura un punto di ristoro.

Infine, alle attività ordinarie della Città dei Ragazzi potranno aggiungersi anche altre “attività redditizie”, quali una discoteca protetta, nonché un parco giochi con elementi gonfiabili.