In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Strongoli, una notte magica col presepe vivente nel castello ritrutturato

Crotone Attualità
Una veduta di Strongoli (Crotone)

La comunità di Strongoli si prepara a vivere un evento eccezionale. Il Presepe vivente, quest’anno sarà allestito all’interno del castello, che, per la prima volta dopo il restauro, apre le porte al pubblico, dopo essere rimasto chiuso per anni per consentire i lavori. Molti, soprattutto i giovani, non sono mai entrati in questa struttura, che racchiude una parte della storia della cittadina.

In questa occasione il grande portone sarà spalancato e tutti potranno entrare per ammirare il nuovo aspetto del castello: per gli anziani sarà emozionante rivisitare e ritrovare un luogo con cui in passato, hanno avuto un rapporto familiare ed affettivo (nel castello anni fa sono vissute famiglie, e molti hanno frequentato le scuole), per i giovani sarà occasione per conoscere questo reperto del nostro patrimonio storico-artistico- culturale.

Il castello, delle cui origini non si hanno notizie certe (si sa che fu ricostruito da Giustiniano nel 538 d.C.), non è grandissimo, ma nella sua piccola realtà, consente di rivivere atmosfere, sapori e odori, di un passato in cui affondano le nostre radici cristiane.

Tutti, almeno da piccoli, si sono emozionati davanti alle immagini del presepe, che ripropone ogni anno il miracolo di Dio che s’incarna. Il Presepe Vivente offre l’opportunità di ritrovare quelle emozioni.

Associazioni, Amministrazione comunale, Scuola e parrocchie, si uniscono per perseguire vari obiettivi: creare comunione, allontanare dalle tentazioni di un ormai dilagante consumismo, stimolare a riflessioni profonde sul senso della vita, ricostruire il villaggio di Betlemme in uno scenario davvero suggestivo quale quello del castello, e ricreare le emozioni della nascita di Gesù per tutti, adulti e piccini.

Il castello si vestirà della luce delle fiaccole e delle lucerne; nelle stanze e nel cortile, dove saranno allestite scene in cui, adulti e bambini, si muoveranno come gli artigiani di una volta, torneranno a rompere il silenzio suoni, voci, allegria; Erode si mostrerà in tutto il suo lusso; soldati vigileranno sul vecchio selciato, che sostituisce il ponte levatoio; i Re Magi arriveranno a cavallo per portare i loro doni al Bambinello, che nascerà nella mangiatoia, posta sotto uno degli archi del cortile. Sul terrapieno pastori e pecore, attorno al fuoco, contribuiranno a far rivivere l’incanto della Notte Santa, in un ambiente semplice, genuino e fiabesco.

In piazza Castello, contemporaneamente, quasi a creare un ponte tra il passato, il presente ed il futuro, si svolgerà il mercatino dei prodotti tipici del territorio. Il 27 dicembre sarà un’occasione speciale, per valorizzare il patrimonio storico e le capacità creative del paese e per riscoprire significati veri, relazioni autentiche della vita di una comunità.