In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Castrovillari, terzo appuntamento con Stagioni teatrali di Calabria

Cosenza Spettacolo

“Aspettando Antigone”, di Claudio Zappalà è il terzo appuntamento con la rassegna “Stagioni Teatrali di Calabria 2016”, ideata e promossa da Teatri Calabresi Associati, con il contributo della Regione Calabria – assessorato alla cultura e in collaborazione con il Comune e l’ACT di Castrovillari. Lo spettacolo è previsto per sabato 3 dicembre, alle 21,00, al teatro Sybaris del protoconvento francescano.

“Aspettando Antigone” è un testo originale, vincitore lo scorso anno della prima edizione del Premio Cendic-Segesta promosso dal Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea; Premio sulla tematica del “Mito”. Il giovane autore catanese è stato capace di scrivere una storia reinventando il mito e introducendolo all’interno di un immaginario contemporaneo. Il linguaggio è asciutto, ironico, le quattro guardie protagoniste sono ricche di un’umanità molto poco “eroica” e per questo è immediata l’empatia con loro. Interpretate da Dario Battaglia, Vladimir Randazzo, Nicasio Catanese e Ivan Graziano le guardie ci somigliano nelle pigrizie, nelle vigliaccherie e nelle paure ma anche, poiché mediocri, nei desideri di pace, di vita tranquilla e in un senso dell’obbedienza e dell’onestà agita ma non del tutto capita. I personaggi delle guardie ricordano Beckett: Beckett è nel titolo e si tiene conto di lui anche nel dare “luogo” al testo. Tutto è estremo, ferocemente contrastato.

Un posto fuori da tutto, svuotato (solo un piccolo colle e un albero), così pieno di luce e di caldo e poi di silenzio e infine di gelo e di buio…. e quattro uomini, piccoli, che nella Tragedia di Sofocle non meritavano di esser visti ma che sullo sfondo di quella storia ci sono certamente stati e che qui, come i Rosencranz e Guildenstern di Stoppard, a loro modo e per quel che possono, con coraggio quasi eroico, vorrebbero capire in che gioco sono finiti, che decisione è giusto prendere. La vita è una roba difficile da decifrare. Poetici e commoventi, ci dimostrano come i grandi testi di teatro di ogni epoca offrano materia preziosa e possibilità nuove per essere riscritti, riletti e parlare ancora di noi.

La regia dello spettacolo è affidata a Mauro Avogadro, attore e regista torinese. Ha curato decine di spettacoli come assistente di Luca Ronconi, e, dal 1987 in maniera indipendente. Attualmente insegna recitazione presso l’Accademia d’Arte del Dramma Antico INDA e presso la Scuola del Piccolo Teatro di Milano. L’autore Claudio Zappalà frequenta la Scuola dei mestieri dello spettacolo del Teatro Biondo di Palermo diretta da Emma Dante e studia drammaturgia con Beatrice Monroy. La produzione è realizzata dal Centro Teatrale Meridionale, diretto da Domenico Pantano, organismo di produzione teatrale riconosciuto dal 1985 dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturale e dalla Regione Calabria. Il costo del biglietto è fissato a dieci euro, per info e prenotazioni rivolgersi presso Dany Music in via Mazzini a Castrovillari.