In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Don Pino Latelli assume la cura pastorale della Parrocchia del Carmine

Catanzaro Attualità Lina Latelli Nucifero
Don Pino Latelli

“Per l’opera nuova intrapresa mi affido alla Madonna del Carmelo con la certezza che lei, come madre che ama e veglia sui suoi figli, benedirà il nostro cammino e sarà per noi la stella del mattino che ci indicherà con certezza la strada che dobbiamo amare e seguire”. Sono le parole pronunciate da don Pino Latelli al termine della Santa Messa celebrata, insieme a don Piccolo Longo, a Padre Vincenzo Arzente dell’Ordine del Minimi di San Francesco di Paola che gli succede in qualità di amministratore della Parrocchia di Platania, e del parroco moderatore don Gigi Iuliano, nella chiesa della Beata Vergine del Carmelo di Lamezia Terme, per suggellare il trasferimento ufficiale dalla Parrocchia di San Michele Arcangelo di Platania.

Ad inizio della solenne celebrazione don Piccolo Longo, in una chiesa gremita di fedeli provenienti anche dalla vicina Platania, ha letto la Bolla con la quale il vescovo della Diocesi di Lamezia Terme Luigi Cantafora ha nominato don Pino Latelli, parroco “ in solidum” della Parrocchia del Carmine di Lamezia Terme. Pertanto, in virtù del Decreto n. 29/16 del 31 ottobre, nella prima domenica di Avvento ( 27 novembre 2016) don Pino Latelli assume la cura pastorale della nuova Parrocchia del Carmine dopo aver terminato l’ufficio di parroco della Parrocchia di San Michele Arcangelo in Platania. Il trasferimento è dettato - si legge nella Bolla - da “motivi di opportunità pastorale e di sensibilità delle persone” che “suggeriscono talvolta un avvicendamento del ministero sacerdotale nella guida delle parrocchie , perché non manchi mai al popolo di Dio la presenza sicura del pastore e sia confermata nel pastore la gioia del lavoro apostolico”. All’omelia don Gigi Iuliano, dopo aver salutato e presentato con parole semplici e in modo affettuoso don Pino Latelli, si è augurato che “la Comunità del Carmine, che si vede arricchita dalla presenza di un nuovo parroco, possa continuare a crescere nella fraternità e nella comunione camminando con rinnovato entusiasmo nella fede e nella speranza sotto la guida del nuovo pastore”.

Don Pino Latelli, ordinato sacerdote il 28 dicembre del 1976, approda alla chiesa del Carmine dopo aver atteso per ben 29 anni al ministero apostolico nella Parrocchia di Nocera Terinese, per continuare a svolgerlo nella Parrocchia di San Michele Arcangelo in Platania per 11 anni. Momenti di intensa commozione, uniti a momenti di fervente preghiera e di fede, si sono avvicendati durante il solenne rito alla fine del quale don Pino Latelli ha salutato e ringraziato tutti in questo giorno di festa che segna l’inizio del suo cammino apostolico nella nuova realtà territoriale di Lamezia Terme.

“Il Signore mi ha chiamato a lavorare qui nella sua Vigna ed ora mi trovo ad essere co-parroco nella chiesa del Carmine con don Gigi Iuliano. È un ritorno a casa; infatti nella locale scuola media ho insegnato per ben 28 anni. Sono stato confratello e collega alla scuola media con il compianto don Pasquale Luzzo con il quale abbiamo condiviso ansie e problemi di questa bella comunità”. Poi rivolgendosi ad una folta rappresentanza della comunità di Platania, presente in chiesa per attestare affetto, stima e gratitudine per il proficuo lavoro svolto in tanti anni dal loro pastore con passione e dedizione, don Pino Latelli ha ricordato le lacrime dei platanesi in quest’ultimo mese per il suo trasferimento ma anche le tante preghiere che gli hanno dato “la forza e il coraggio di continuare con la nuova comunità a percorrere insieme la strada che il Signore ha tracciato per noi. Alla comunità del Carmine - ha concluso - chiedo solo di pregare per me”. L’applauso dei fedeli assiepati nella grande chiesa del Carmine, si è levato molto forte.