In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Sbancamento illegale nel territorio di Cotronei

Crotone Cronaca

Gli agenti del Corpo forestale dello Stato hanno localizzato un ampio sbancamento illegale nel territorio di Cotronei. Il presunto responsabile, alcuni giorni fa, è stato individuato e segnalato alla Procura della Repubblica per violazioni alla normativa edilizia. L’area è stata posta sotto sequestro in attesa delle decisioni dell’Autorità giudiziaria.

La scoperta è avvenuta nel corso di un’attività di controllo del territorio, disposta dal Comando provinciale pitagorico, per contrastare gli abusi edilizi e che, nei giorni appena scorsi, in località Carusa ha permesso di identificare lo sbancamento avvenuto su un’area stimata in circa 5 mila metri quadrati.

Dopo accertamenti eseguiti presso l’Area tecnica del Comune si è constatato che il presunto responsabile dei lavori, un operaio di 45 anni del luogo, aveva trasmesso semplicemente una segnalazione certificata d’inizio attività (la cosiddetta Scia), a giudizio degli investigatori del CfS non idonea a giustificare quanto realmente eseguito.

Con i lavori, in corso di realizzazione al momento del sopralluogo, è stata ricavata una gradonatura con dislivelli di circa 6 e 12 metri, suscettibili di innescare fenomeni di dilavamento e ruscellamento, eseguendo concretamente opere rilevanti di scavo e sbancamento del terreno che, a giudizio dei forestali, hanno inciso sul tessuto urbanistico del territorio e dovevano quindi essere assoggettati a un titolo abilitativo edilizio. Il tecnico incaricato della progettazione ha rassegnato le dimissioni dall’incarico.

Il responsabile dei lavori è stato segnalato alla Procura della Repubblica per aver modificato permanentemente lo stato dei luoghi in assenza del permesso di costruire, previsto dal Testo unico per l’edilizia. L’area, di conseguenza, è stata posta sotto sequestro per impedire la prosecuzione dei lavori.