In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

A Molochio l’ottava tappa del tour del No promosso da Idea Calabria

Reggio Calabria Attualità

Sì è svolta a Molochio, in una sala gremita di giovani, amministratori e cittadini, l'ottava tappa del tour del No promosso da Idea Calabria e organizzata da Maria Fedele, coordinatrice dell'Area Piana bassa di IC e Giuseppe Surace, membro del Movimento.

Tanti gli interventi per spiegare, in maniera chiara e precisa, quelli che sono gli aspetti definiti “più drammatici di una riforma costituzionale che, attraverso assurde manovre di informazione e subdole intenzioni, ha il solo scopo di strappare la sovranità al popolo italiano, impedendogli di fatto di eleggere i propri rappresentanti in Parlamento e che devia tutto il potere nelle mani di un solo soggetto, togliendo così autonomia territoriale e regionale e trasformando la nostra Repubblica in un premierato dittatoriale”.

L'incontro, svoltosi presso l'aula consiliare, ha avuto inizio con i saluti dell'Amministrazione comunale di cui si è fatta portavoce la presidente del consiglio Maria Grazia Cardone. Il dibattito è stato moderato da Leonardo Raso, coordinatore della Piana alta di Idea Calabria. Hanno relazionato: Maria Fedele, coordinatrice dell’Area della Piana bassa di Idea Calabria, Giuseppe Surace, membro di Idea Calabria, Pietro Borrello, coordinatore di Idea Calabria e Giuseppe Raffa, presidente dell'Amministrazione provinciale di Reggio Calabria.

Forte l'appello del presidente Raffa che dopo un veloce riassunto di quella che è la situazione politica nazionale, ha evidenziato “la pericolosità di una riforma che trasformerebbe la nostra democrazia in una dannosa oligarchia, senza dare più nessuna possibilità ai cittadini italiani di interagire con le varie istituzioni, sottolineando quindi la necessità di votare NO al referendum del 4 dicembre”.