In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Castrovillari, il “Pitagora-Calvosa” ospite in Rai da Corrado Augias

Cosenza Attualità

Il “Pitagora- Calvosa” ha accettato la sfida di fare buona didattica fuori dell’aula perché crede fortemente nel valore educativo del turismo culturale responsabile.

Per questo motivo, la scorsa settimana, gli studenti del primo biennio dell’Istituto Tecnico Amministrazione Finanza e marketing e Costruzione Ambiente e Territorio di Castrovillari hanno effettuato un’uscita formativa a Roma che ha incluso visite guidate a monumenti particolarmente significativi, come gli scavi archeologici di Ostia antica e la Roma classica (Colosseo, Fori, Teatro di Marcello, Ghetto, piazze barocche e rinascimentali), ma anche ad altri luoghi meno noti di grande suggestione, come lo Stadio dei Marmi o il piccolo borgo medioevale di Ostia.

Il viaggio, tuttavia, è stato centrato principalmente sulla partecipazione alla trasmissione di Corrado AugiasQuante Storie”, che va in onda tutti i giorni alle 12,45 su Rai tre. Dopo un proficuo incontro didattico con la redazione, i ragazzi hanno avuto modo di conoscere il conduttore e gli ospiti e di comprendere ritmi e meccanismi televisivi.

Con Ernesto Galli della Loggia la riflessione si è concentrata sul rapporto tra cambiamento e crescita e tra moralità e moralismo, sui modelli culturali, ma anche sulle dinamiche politiche dell’Italia nata dopo il crollo del Fascismo, lungo quegli anni in cui lentamente si è andata sbriciolando la fede nelle ideologie, nella consapevolezza che è necessario fare i conti con la propria storia, e dunque storicizzare il passato, “perché possa esserci un futuro”.

L’incontro con i professori Beltramini e Ferroni è servito per rintracciare l’immaginario visivo di Ludovico Ariosto, quest’anno, infatti, si celebra il Cinquecentanario della pubblicazione dell’Orlando Furioso, poema che sembra spesso molto lontano alla sensibilità dei giovani, ma che, invece, va riscoperto perché l’evasione della mente e il rincorrere la fantasia costituiscono un bisogno molto sentito dai ragazzi di oggi.

Il dirigente scolastico, Bruno Barreca, i docenti Iorio, Pandolfi e Giammarini e l’assistente amministrativo Donato hanno accompagnato gli studenti.