In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Mobilitazione in Calabria di Liberal Democratici per il Sì

Calabria Politica

Prosegue la mobilitazione di passione civile in Calabria di Liberal Democratici per il . Proseguono senza sosta il tour di incontri e iniziative dei 48 comitati territoriali, organizzati e coordinati da Ciro Palmieri, Coordinatore Regionale dei LibDem e dei Circoli calabresi per invitare i cittadini a votare per il Referendum del 4 dicembre, ed in particolare a votare sì, con la presenza di Tiziano Treu Presidente del Comitato Nazionale e di Italo Tanoni Coordinatore Nazionale nonché Presidente del Partito.

“I Liberal Democratici – ha sottolineato Palmieri - hanno posto da sempre al centro della propria azione politica e culturale un obiettivo ambizioso, contribuire ad arrestare la fase di declino nella quale la Calabria, è entrata da troppi anni e permetterle di imboccare con decisione la strada della ripresa”.

I Liberal Democratici credono “che solo una autentica rivoluzione liberale possa sbloccare tale situazione”. Tanoni dal canto suo sostiene che “con il referendum del 4 dicembre siamo chiamati a votare su una riforma costituzionale che rappresenta un passo fondamentale per dare maggiore efficienza alle nostre istituzioni e per assicurare migliori condizioni per lo sviluppo del Paese nel pieno rispetto dei principi fondamentalissimi della libertà e della democrazia che accomunano noi tutti”.

Treu, nei suoi interventi ha tenuto a ribadire che “saranno riportate al centro le decisioni essenziali per il governo dell’intera collettività, saranno mantenute alle Regioni le scelte rilevanti per gli interessi delle rispettive comunità, e si disporrà della clausola di salvaguardia a tutela degli interessi nazionali, che erano stati improvvidamente cancellati con la revisione costituzionale del 2001”.

“Saranno rafforzati gli ambiti di intervento dello Stato – prosegue - nelle materie che richiedono un intervento unitario, come, ad esempio, le grandi infrastrutture, l’energia, la tutela dell’ambiente, le politiche attive e la tutela e la sicurezza del lavoro, i procedimenti amministrativi ed i processi”.

In definitiva, Treu ha avvalorato la tesi che “è una riforma che si muove nel senso dell’efficienza delle istituzioni, della stabilità dell’assetto decisionale, dell’ampliamento delle garanzie e dei diritti, della chiarezza delle responsabilità pubbliche, e del corretto impiego delle risorse pubbliche".