In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Belvedere Marittimo. Al Museo del Mare iniziativa sul No al referendum

Cosenza Attualità

Sala affollata all’incontro organizzato domenica 27 Novembre dal Meetup 'Amici di Beppe Grillo di Belvedere' e dal Comitato del NO sulle ragioni del No al Referendum Costituzionale, presso la sala comunale 'Museo del Mare' di Belvedere Marittimo.

L’incontro ha visto la partecipazione del Portavoce alla Camera dei Deputati M5S Luigi Gallo, del Professore dell'Università della Calabria Giorgio Lo Feudo, del Portavoce Comunale M5S Rende Domenico Miceli, del Dottore dell'Unina Antonio D'Anello e dell'Avvocato Paolo Carrozzino. A moderare il dibattito, l'Organizer del Meetup Salvatore Bellanza.

"Questo incontro è il terzo che organizziamo - fanno sapere i grillini di Belvedere - abbiamo iniziato il 31 Agosto scorso con il "Costituzione Coast to Coast Tour" insieme ad Alessandro Di Battista nello splendido Anfiteatro di Belvedere Marittimo".

La partecipazione all’appuntamento di domenica non era per nulla scontata e ha richiamato l'interesse della cittadinanza belvederese, “segno che i cittadini – sostengono gli organizzatori - sono interessati a capire di più cosa Renzi & Co. stanno cercando di fare alla nostra Costituzione, la più bella del mondo (ritenuta tale dal Roberto Benigni di poco tempo fa)”.

Al centro del dibattito la presunta deriva autoritaria della riforma costituzionale, definita “una vera e propria minaccia alla democrazia rappresentata principalmente dall’attribuzione di molti poteri al Presidente del Consiglio, e allo svuotamento di poteri agli organi di garanzia”.

"Un Senato che non sarà più eletto direttamente e che non rappresenterà il Popolo - è stato detto - non dovrebbe poter legiferare, eppure con questa riforma manterrà i poteri di modifica della stessa Costituzione in regime di bicameralismo perfetto" questo quanto affermato durante il dibattito dai relatori. Questo referendum, purtroppo, ha spaccato il Paese in due dividendo i cittadini sulla cosa sulla quale dovrebbero essere più concordi, ovvero la Costituzione”.

“Dopo il Referendum, si dovrà fare un grande lavoro per ricomporre questo patto che questo Governo ha irresponsabilmente messo a rischio solo per autolegittimarsi. Ringraziamo i cittadini intervenuti all’incontro e v'invitiamo ancora una volta – concludono i grillini – a votare NO al Referendum Costituzionale il prossimo 4 Dicembre".