In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

M5s: “Il piano dei trasporti sembra un libro dei sogni”

Calabria Infrastrutture

Arriva in Consiglio regionale il Piano dei Trasporti dopo la discussione in Commissione e dopo che lo stesso Consiglio ne aveva già approvato le linee guida durante lo scorso mese di agosto. “Un piano dei trasporti evanescente che sembra un libro dei sogni, una favoletta da raccontare agli elettori, mentre nella realtà risulta completamente scollegato dalle reali esigenze del territorio, infatti il piano dei trasporti spinge verso l’implementazione di altri scali aeroportuali quando è lo stesso Presidente Oliverio che, nella seduta del 25/10/2016, sottolinea la drammatica situazione degli aeroporti calabresi. Si avete capito bene, nella regione della SS 106, tristemente nota come la strada della morte , dell’infinita autostrada Salerno – Reggio, dei sempre più vuoti binari ferroviari, i nostri politici regionali si fanno campagna elettorale con gli aeroporti dei sogni”. È quanto scrivono i consiglieri comunali calabresi del Movimento 5 stelle.

“C'è poco da meravigliarsi, tutto questo è “semplicemente” in linea con il PD nazionale che vuole realizzare la mega opera del ponte sullo stretto, insomma il PD ancora una volta si dimostra lontano dai veri bisogni dei cittadini”. Il M5S ritiene che “la realizzazione di nuovi aeroporti, figli di scambi elettorali e spreco di denaro pubblico, sia inutile, augurandosi che venga intrapresa la strada di un unico gestore dei tre scali (Reggio, Lamezia e Crotone) ottimizzando le risorse già dilapidate in passato dalla gestione “allegra” delle società di gestione dei singoli aeroporti. Inoltre propone di puntare anche sui collegamenti tra ionio e tirreno e le vie ferroviarie esistenti garantendo nell’immediato possibilità di spostarsi agevolmente nel territorio calabrese. Ma se a governare la nostre regione è sempre questo tipo di politica, volta più alla propaganda che alla concretezza, abbiamo poche speranze”.