In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

La Provincia di Cosenza dice no alla violenza sulle donne

Cosenza Attualità

La Provincia di Cosenza dice il suo no alla violenza sulle donne, aderendo alla manifestazione nazionale indetta dalla Regione Calabria che si svolgerà il 21 ottobre prossimo a Reggio Calabria.

Un’iniziativa pregevole, voluta fortemente dal Governatore Oliverio e dalla Giunta regionale all’indomani dello stupro di gruppo di Melito Porto Salvo, alla quale secondo il Presidente Graziano Di Natale tutte le Istituzioni dovrebbero aderire scendendo in piazza a fianco della giovanissima vittima: “È necessario dire “BASTA”, collettivamente e coralmente, alla violenza di genere; ma anche condannare fermamente le connivenze, l’omertà e l’indifferenza di chi - come nel caso di Melito Porto Salvo - spesso sa, ma vigliaccamente tace”. Per questo la Provincia di Cosenza ci sarà, con Gonfalone e Fascia, rappresentata al suo più alto livello istituzionale; prevista anche la presenza della Polizia Provinciale, scelta che vuole riaffermare l’esigenza di un presidio di legalità e sicurezza su tutto il territorio.

Tuttavia il Presidente Di Natale ribadisce che le azioni di contrasto al fenomeno della violenza sulle donne e contro i femminicidi - ormai vera e proprio emergenza nazionale - non devono limitarsi alla partecipazione a una giornata di protesta. Le istituzioni hanno il dovere d’impegnarsi tutto l’anno per informare, prevenire, promuovere e soprattutto formare le nuove generazioni a una cultura del rispetto della donna e contro ogni forma di violenza: “il 21 ottobre sarà certamente l’inizio, la prima tappa di un percorso che vedrà la Regione Calabria, le Province, i Comuni e le Associazioni antiviolenza uniti nel reperire risorse sul territorio e promuovere progetti per le pari opportunità e la difesa dei diritti delle donne”.