In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Successo per il forum sulla vaccinazione organizzato dall’Ammi

Catanzaro Sanità

Creare una cultura della vaccinazione a 360°, sfatando i falsi miti e dipanando le nebbie delle paure che nascono da un'informazione distorta o incompleta: questo l'obiettivo del forum organizzato dall'Ammi (Associazione Mogli Medici Italiani) sezione di Catanzaro, in collaborazione con l'A.O. Pugliese Ciaccio. Una sala del Consiglio della Provincia strapiena ha accolto l'incontro, a conferma dell'importanza e della grande attenzione nei confronti dell'argomento: “Vaccini in età pediatrica: il confine tra informazione e allarmismo”.

L'Ammi apre il suo anno sociale - ha spiegato Stefania Zampogna, pediatra ospedaliera e presidente della sezione Ammi di Catanzaro - sposando questo tema delicato, visto ormai il ruolo riconosciuto della nostra associazione nel sensibilizzare la popolazione alle diverse sfide sanitarie e sociali che emergono costantemente”. Il tema delle "Vaccinazioni in età pediatrica" è oggi al centro dell'interesse in sanità pubblica dato il calo delle coperture vaccinali avute negli ultimi anni. Le vaccinazioni costituiscono il mezzo più semplice, efficace e sicuro per proteggere i propri figli e tutta la popolazione da pericolose malattie infettive.

“Grazie ad esse – ha sottolineato Zampogna - il vaiolo è stato debellato, nel nostro paese malattie come la polio e la difterite non si osservano da decenni, mentre è fortemente regredita la diffusione di altre come il morbillo e la rosolia e la pertosse. Paradossalmente, il successo dei vaccini impedisce oggi ad alcuni di percepire la gravità delle malattie che prevengono e li inducono a ritenere che non solo siano inutili, ma anche estremamente pericolosi. Nel bilancio il rischio di una reazione al vaccino è infinitesimale rispetto al pericolo di non vaccinare un bambino. I vaccini possono avere delle complicanze legate a febbre, dolore, edema localizzato ma compito del pediatra e del medico è spiegare tutto ciò che può accadere in modo chiaro”.

Nel corso dell'incontro si sono avvicendati tanti esperti che hanno cercato di sfatare le credenze e i falsi miti correlati alle vaccinazioni. “Quando si parla di salute pubblica non ci si deve affidare a internet – ha aggiunto Zampogna. - E' lo Stato che si deve fare carico della salute dei propri cittadini. Se si leggono notizie on line, è bene verificare le fonti e le credenziali di chi scrive e consultare siti competenti come quello della Società Italiana di Pediatria (www.spi.it) e quello della Società Italiana di Igiene (www.vaccinarsi.org)”.

Per essere efficace il vaccino deve interessare il 95% della popolazione, quando il livello è inferiore a questa soglia gli effetti protettivi calano e il rischio che la malattia possa fare danno è elevatissimo. La questione assume oggi una importanza ancora maggiore dopo la recentissima pubblicazione (27 gennaio 2016) del Ministero che sottolinea come l'obiettivo della copertura del 95% non sia stata raggiunto in nessuna Regione italiana, anzi, sia presente ovunque un trend in diminuzione.

“E' necessaria una risposta politica al rifiuto della vaccinazione – ha concluso la presidente dell'Ammi - che tenga conto della realtà e delle modalità con cui gli individui prendono le loro decisioni, della loro percezione del rischio e degli eventuali obblighi, e applichi in tempi rapidi dei meccanismi atti a proteggere sia coloro che per motivi validi non possono essere vaccinati, sia i bimbi non vaccinati per decisione dei propri genitori. Informati e non allarmati: questa è la nostra mission”.