In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Criminalità: Catanzaro, rom armati pronti alla guerra fra bande

Calabria Cronaca

Due clan contrapposti, pronti a scatenare una guerra per il controllo del mercato della droga. Questa la situazione fotografata dalla Dda di Catanzaro e dalla squadra mobile del capoluogo calabrese, che stamane hanno dato esecuzione a 73 ordinanze di custodia cautelare in carcere nel capoluogo calabrese ed in altre città. L'operazione ha già portato in manette 67 destinatari delle misure, mentre altre 6 sono attivamente ricercati. "Rinascita" e' il nome dato convenzionalmente all'inchiesta, destinata a liberare i quartieri a sud di Catanzaro dal dominio dei clan nomadi giunti in città alcuni decenni addietro e diventati ormai stanziali. Associazione armata finalizzata al traffico di droga e' l'accusa principale mossa ai componenti di due gruppi nomadi contendenti: quello facente capo a Domenico Berlingieri, 50 anni, già detenuto, e quello guidato da Silvano Berlingieri, 39 anni, detto "Pacciani"; il primo dedito prevalentemente allo smercio di eroina, l'altro allo smercio di cocaina, senza trascurare la vendita di droghe "leggere", come hashish e marijuana. L'area compresa fra via Lucrezia della Valle e Catanzaro Lido, passando per i quartieri Corvo-Aranceto e viale Isonzo rappresentava la zona d'influenza e di spaccio dei due clan, entrati in conflitto in seguito ad alcuni sconfinamenti rispetto ai luoghi assegnati per la vendita della droga. Una conferma ulteriore del salto di qualità criminale dei nomadi catanzaresi, ormai interlocutori riconosciuti dei clan della 'ndrangheta, come dimostrano gli arresti di Francesco Pizzata e Domenico Strangio, rispettivamente di 45 e 21 anni, il primo di Melito Porto Salvo, il secondo di Siderno, ritenuti esponenti di famiglie mafiose del reggino molto influenti. I due erano i fornitori della droga che i clan degli zingari vendevano, nei rispettivi quartieri, ad acquirenti locali, ma anche provenienti da altre province. Ma e' il sequestro di armi micidiali, tra cui fucili, pistole e mitra Kalashnikov a dimostrare le potenzialità offensive dei due gruppi. La situazione di tensione fra le due bande era tale che, secondo la Polizia, si e' sfiorata la guerra fra clan. Tre i tentati omicidi contestati: due accoltellamenti ed un agguato a colpi d'arma da fuoco. Il primo avvenuto il 16 dicembre 2007 quando una coltellata ferì al volto Roberto Berlingieri; il secondo il 12 maggio 2008 quando con modalità analoghe fu ferito Armando Berlingieri. Il caso più grave risale al 3 luglio 2008, quando fu gravemente ferito, a colpi d'arma da fuoco, Nuccio Berlingieri. E lista sarebbe stata più corposa se intercettazioni, appostamenti e sequestri di droga non avessero consentito alla Dda di emettere le ordinanze eseguite stamani, che hanno verosimilmente bloccato nuovi atti di ostilità fra le due gang. Droga, armi comuni e da guerra, ma anche furti, in particolare d'auto, restano le attività predilette dalla criminalità nomade. Il "Cavallo di ritorno", ciò il furto di veicoli con la conseguente richiesta di danaro per la restituzione del mezzo, continua ad essere uno dei sistemi privilegiati dalla criminalità catanzarese. Fra gli arrestati 11 donne: sarebbero loro, secondo l'accusa, a comprare dai fornitori di Napoli-Scampia, del crotonese, della Locride e del basso Ionio catanzarese, la droga venduta ai tossicodipendenti del capoluogo e delle zone limitrofe. Fra le contestazioni che la Dda muove, a vario titolo, ad alcuni degli indagati, anche episodi di usura ed estorsione ai danni di operatori economici della citta'. "Si e' trattato - ha detto il questore Vincenzo Roca, illustrando i dettagli dell'operazione con il procuratore capo Vincenzo Lombardo ed i dirigenti della squadra mobile - di un'operazione strategica. Interi quartieri di Catanzaro erano stati sottratti al controllo dello Stato, come dimostra il fatto che, appena un'auto della Polizia veniva avvistata nella zona, scattava l'allarme da parte delle vedette dei rom. E' noto - ha aggiunto il questore di Catanzaro - che molti cittadini onesti sono stati costretti a lasciare le loro abitazioni proprio a causa della presenza dei clan degli zingari. Con gli arresti di oggi abbiamo garantito un po' di tranquillità ai cittadini onesti ed ai commercianti. Ma si tratta solo di un primo passo e non della conclusione delle nostre indagini". Di un'operazione "costata molta fatica e molto tempo" ha parlato il procuratore Lombardo. "L'inchiesta e' scattata nel 2007 - ha spiegato - dopo alcune estorsioni ad opera di cittadini italiani di etnia rom. Abbiamo acquisito testimonianze, abbiamo eseguito sequestri di droga e, soprattutto, abbiamo potuto contare sulle intercettazioni che ci hanno consentito di ricostruire fatti e circostanze. Senza le intercettazioni - ha sottolineato - che sono indispensabili, non si va da nessuna parte". L'esecuzione degli arresti, scattati all'alba, ha impegnato circa 400 uomini, supportati da un elicottero del reparto volo di Reggio Calabria. Mobilitati ufficiali ed agenti delle squadre mobili di Reggio, Vibo valentia, Cosenza, Crotone,Taranto, Potenza, Matera, Messina, Benevento, Avellino, Milano e Bergamo, oltre che della squadra mobile di Catanzaro, diretta dal capo Rodolfo Ruperti e dal suo vice Angelo Paduano, e dei commissariati di Catanzaro Lido e Lamezia Terme.