In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Incontro Regione-sindacati su autorizzazioni ed accreditamenti sanitari

Calabria Sanità

Si è svolto oggi, nella sede della Cittadella, su richiesta delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, un incontro, presieduto dal Delegato del Presidente Oliverio per la Sanità, Franco Pacenza, al quale ha partecipato anche il Dirigente generale del Dipartimento “Tutela della salute” Riccardo Fatarella.

Erano presenti per il sindacato, comparto Funzione pubblica, Iorno (Cgil), Bevacqua (Cisl) e Ruberto (Uil). I rappresentanti sindacali – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta - hanno rappresentato alla Regione la forte preoccupazione che investe i lavoratori della sanità privata calabrese, relativamente al Decreto Commissariale n. 81/2016, che stravolge la L.R. n. 24/2008 in materia di autorizzazioni ed accreditamenti sanitari, soprattutto in riferimento alla tutela dei lavoratori che operano nel settore. Si paventa, infatti, il rischio di una forte precarizzazione degli operatori della sanità privata, riducendo enormemente gli elementi di tutela dei.

I dirigenti sindacali hanno annunciato ai rappresentati della Regione la volontà di procedere all’impugnativa del Decreto n. 81 per “palesi contrasti alla Legge 24/2008” ed hanno chiesto, allo stesso tempo, alla Regione una propria iniziativa in tale direzione. I rappresentanti della Regione hanno informato i sindacalisti che, sin dai primi di agosto, il Dipartimento ha proposto alla Struttura Commissariale una moratoria sul Decreto n. 81 ma gli stessi Commissari hanno manifestato la loro indisponibilità a tale procedimento. A fronte di ciò, la Regione ha dato mandato all’Avvocatura regionale di verificare il contrasto tra il d.c.a. n. 81 e la legge n. 24, per garantire la sovranità della legislazione regionale. Non appena l’Avvocatura completerà il suo lavoro, la Regione non esiterà ad impugnare il d.c.a. 81.