In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Sanità. Incontro sul Decreto 87, s’è discusso dei nuovi tariffari

Calabria Sanità

Il delegato del Presidente della Regione Oliverio per la sanità, Franco Pacenza, ha presieduto oggi, nella sede della Cittadella, un incontro sul Decreto commissariale n. 87/2016.

Erano presenti il Dirigente generale del Dipartimento "Tutela della salute", il Segretraio generale della Giunta, il Dirigente dell'Avvocatura regionale, il Capo di Gabinetto ed i direttori delle Asp di Catanzaro, Cosenza e Crotone.

La discussione ha ripercorso e ricostruito le diverse fasi della vicenda che trova la sua origine nella legge n.24/2008 e nel regolmamto n. 13/2009 su autorizzazioni ed accreditamenti, che riconoscono l’adeguamento tariffario per le prestazioni sanitarie territoriali, a seguito dell’applicazione dei nuovi requisiti previsti dalle norme citate. Vicenda che ha visto un percorso assai complesso anche sul versante giurisdizionale e che ha trovato definizione, a far data dal 10 giugno 2015, quando sono state sancite le nuove tariffe.

L’oggetto del decreto del commissario ad acta interviene a sanatoria per il periodo dall'1 gennaio 2010 al 10 giugno 2015. Decreto che è successivo al precedente atto transattivo tra le parti che, ai fini applicativi, demanda alle aziende sanitarie la ricognizione necessaria. La nota della Struttura commissariale del 19 luglio scorso, inviata alle Asp interessate, non chiarirebbe i termini di verifica da cui far decorrere le nuove tariffe.

Si pone, quindi, l’esigenza di approfondire, azienda per azienda ed erogatore per erogatore, l’attivazione dei nuovi requisiti su cui applicare le nuove tariffe. Al fine anche di evitare interpretazioni autonome, è stato dato mandato al Dirigente generale del Dipartimento "Tutela della salute” di predisporre un'apposita circolare con cui indicare alle Asp le verifiche necessarie, al fine di individuare evenutali conguagli tra vecchio e nuovo tariffario.