In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

“Insegnanti deportati”, la Ggil dice no e scrive al segretario nazionale

Calabria Attualità

“A giorni migliaia di docenti soprattutto meridionali saranno costretti, pena la perdita del posto di lavoro, a subire una traumatica collocazione in sedi di lavoro molto lontane. Si tratta di lavoratori non più giovani costretti a lasciare il proprio nucleo familiare e la cui partenza renderà ancor più povero il Meridione d’Italia. Tutto ciò non è un fulmine a ciel sereno; l’utilizzazione del personale su ambito nazionale era chiaramente contenuta nella infausta legge 107. Mentre si rendono i presidi titolarti di poteri ampi, la “buona scuola” umilia il lavoro sotto ogni profilo e colpisce il diritto di studenti e genitori di usufruire di un servizio veramente formativo”.

Esordisce così la lettera aperta che i membri della Cgil calabrese hanno inviato al segretario nazionale della Flc-Cgil ed in cui ribadiscono, tra l’altro, che la stessa sigla “non può estraniarsi da questa inquietante vicenda; migliaia di docenti - affermano - sono in questi giorni fortemente mobilitati; chiedono un provvedimento d’urgenza che blocchi questo esodo scellerato, la definizione di organici che consideri la disponibilità dei posti sui quali lo scorso anno i docenti ora stabilizzati erano utilizzati; il rafforzamento dell’area del potenziamento, del tempo pieno, del sostegno e in prospettiva il varo di un piano complessivo per il rilancio e la qualificazione della formazione pubblica”.

La Flc-Cgil, dunque, sostengono i sindacalisti, deve mobilitarsi concretamente con forme di lotta incisive “che la facciano diventare un punto certo per i lavoratori in lotta e li salvino dall’isolamento”.