In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Guccione (Pd): Igp Olio di Calabria, punto di forza sul mercato internazionale

Calabria Attualità

“Un punto fermo nella valorizzazione delle eccellenze calabresi. La notizia del riconoscimento del marchio IGP (Indicazione geografica protetta) Olio di Calabria è un grande risultato che consente alle nostre produzioni di competere ancora di più sul mercato internazionale con una certificazione importante che ne spiega la qualità e la unicità”.

È quanto sostiene il consigliere regionale del Partito democratico, Carlo Guccione. “Un risultato raggiunto soprattutto – commenta ancora - grazie alla capacità, alla competenza e al lavoro svolto dal dottor Massimino Magliocchi, presidente del comitato promotore “IGP Olio di Calabria”. Una bella storia che ha visto lavorare insieme esperti nei vari settori di competenza, una sinergia virtuosa in grado di vincere una battaglia decisiva”.

“Conosciamo tutti bene – precisa Guccione - le proprietà organolettiche e le specificità dell’oro verde calabrese. Ma il suo utilizzo nelle cucine dei ristoranti più prestigiosi del mondo è solo una parte della storia che rappresenta. Il disciplinare che regola le caratteristiche e delimita le zone di produzione di questo olio racconta anche la storia dei luoghi interessati. Ne testimonia la sapienza, a volte millenaria, che si è tramandata nel corso degli anni. L’ulivo, pianta cara ai greci, è, insieme alla vite, elemento simbolo della nostra identità enogastronomica. A volte diventa un vero e proprio marcatore identitario, al pari delle tradizioni dei territori dove nasce e diventa un prezioso nettare”.

“Rispetto alla massificazione delle produzioni e dei consumi – conclude il consigliere reginale - la unicità del nostro olio rappresenta una difesa per i consumatori. Troppo spesso le politiche europee hanno favorito le lobby della grande industria alimentare a tutto danno delle produzioni locali. Il riconoscimento di questo marchio è un esempio da seguire anche in altri ambiti dell’agroalimentare".