In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Rinnovato l’accordo Uspi-Fnsi per il lavoro giornalistico nelle testate locali e non profit

Calabria Attualità

L’Unione Stampa Periodica Italiana (USPI) e la Federazione Nazionale della Stampa (FNSI) hanno firmato, il 20 luglio 2016, il rinnovo dell’Accordo contrattuale per il lavoro giornalistico nelle testate locali e non profit, sottoscritto il 30/03/2010 e confermato, di anno in anno, fino al 30/03/2016.

Non è solo un semplice rinnovo, perché USPI e FNSI hanno innovato i termini dell’accordo, introducendo nuove norme che ne estendono la validità anche ai rapporti di lavoro di natura giornalistica svolti in tutte le testate online di informazione territoriale-locale, trasmesse mediante qualsiasi piattaforma, di aziende iscritte all’USPI.

Confermata la Commissione Paritetica tra le parti a cui tutti gli editori medio-piccoli potranno rivolgersi per applicare, nelle loro aziende, le norme contrattuali ed economiche del citato Accordo.

«Il rinnovo dell’Accordo USPI-FNSI – ha dichiarato il Segretario Generale dell’USPI Francesco Saverio Vetere – rappresenta un importante passo verso la costruzione di un sistema di regole e di costi del lavoro giornalistico adatto, finalmente, alla piccola e media editoria».

«L’apertura dell’Accordo a tutte le testate locali online, in particolare, – ha sottolineato il Vice Segretario Generale con delega all’online Sara Cipriani – segna un momento di svolta fondamentale verso la regolarizzazione e la stabilizzazione dei rapporti di lavoro nelle numerose testate telematiche, che hanno una dimensione economica molto inferiore rispetto alle aziende di area Fieg, dando loro uno strumento contrattuale agile e sostenibile».

L’accordo resterà in vigore fino al 31 dicembre 2016. Entro tale data, USPI e FNSI si sono impegnate a definire un nuovo testo che possa meglio regolamentare gli aspetti normativi, professionali, assistenziali e previdenziali dei giornalisti che operano nelle testate e nelle aziende interessate dall’Accordo.