In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Depuratori calabresi sotto la lente dell’Arpacal: un terzo non è in regola

Calabria Attualità

122 controlli nei primi mesi del 2016, con una media di 20 al mese e 5 alla settimana, con questa frequenza l’Arpacal (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria) ha controllato in pratica un depuratore al giorno sul territorio regionale, spesso affiancata da forze dell’ordine e autorità giudiziaria.

Delle analisi eseguite, un terzo ha però dato esito negativo: sui 122 controlli attuati, infatti, 40 hanno restituito dati di non conformità ai valori imposti dalla normativa, entrando così a far parte dei fascicoli d’indagine dell’autorità giudiziaria e di conseguenza diverse sanzioni sono state imposte a carico dei gestori.

Il controllo sui depuratori è disciplinato da una normativa complessa e si affianca al monitoraggio delle acque di balneazione. Attraverso questi due strumenti, anche negli anni passati, l’Arpacal ha potuto portare a conoscenza delle autorità competenti il fatto che a fronte di dati sulla balneazione che presentano un quadro quasi eccellente della costa calabrese vi siano criticità ben individuate che non vanno trascurate e sulle quali è opportuno intervenire con tempestività.