In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Violenza sulle donne: Graziano presenta proposta di legge per il sostegno ai centri di accoglienza

Calabria Attualità

Una proposta di legge per la per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. Un nuovo strumento legislativo che intende modificare ed integrare la legge regionale 20/2007. Ma soprattutto che intende adeguare la normativa vigente alle nuove esigenze e alle dinamiche sociali che nell’ultimo decennio si sono formate attorno a questa problematica. Obiettivo centrale della nuova legge è quello di istituire un fondo di solidarietà per l’inserimento lavorativo e il patrocinio legale gratuito per le donne vittime di violenza e maltrattamenti.

La proposta è stata presentata, nei giorni scorsi, dal Consigliere regionale Giuseppe Graziano al termine di un lungo e attento confronto con i giovani della direzione regionale di Forza Italia, coordinati da Luigi De Rose, che hanno suggerito le modifiche, i correttivi e miglioramenti alla legislazione esistente.

“Questa proposta di legge – dichiara Graziano – è significativa dell’impegno che il laboratorio politico di Forza Italia - Giovani pone sui temi sociali di grande rilevanza, come la violenza sulle donne, che in Calabria, purtroppo, continua a registrare fenomeni cruenti. L’obiettivo di questa legge – precisa ancora il Segretario questore del Consiglio regionale - nata dai giovani e pertanto attuale e reale, è quello di creare delle opportunità concrete tese ad arginare questo fenomeno, creando delle opportunità di tutela delle vittime.”

La proposta di legge trova anche le risorse su cui far valere gli strumenti di intervento. L’idea di ampliare e maggiormente definire la normativa vigente è dettata soprattutto dalla necessità di garantire alle donne che hanno subito violenza o maltrattamenti, il riscatto della propria vita attraverso il reinserimento lavorativo, come strumento fondamentale per ridefinire percorsi autonomi raggiungendo o recuperando un’autosufficienza economica, basilare per il recupero sociale e psichico. La proposta di legge, inoltre, integrando le politiche per le pari opportunità, della non discriminazione e le politiche per il lavoro, intende finanziare, con le risorse del Fondo sociale europeo, interventi di reinserimento sociale attraverso il lavoro. Un programma, questo, attivabile da subito attraverso il coinvolgimento diretto dei Centri antiviolenza, dei Servizi sociali e dei Centri per l’impiego territoriali, messi in rete con tutti gli operatori pubblici e privati che operano con impegno e competenza nell’ambito del contrasto alla violenza contro le donne e a sostegno delle vittime.

Ancora, la nuova legge, posta all’attenzione del Consiglio regionale della Calabria, intende istituire un fondo di solidarietà per il patrocinio legale gratuito del quale possono beneficiare tutte le donne vittime di violenza e maltrattamenti che intendono sporgere denuncia per un reato consumato o tentato sul territorio calabrese. Già a partire dall’entrata in vigore della legge. Una misura importante considerato che, spesso, il fenomeno della violenza rimane sommerso, perché la mancanza di indipendenza economica in molti casi costringe le donne a subire in silenzio e a non denunciare gli aggressori.