In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Basta Vittime 106 su ritardi sull’ammodernamento della statale

Calabria Attualità

"Progetto bloccato da oltre 4 mesi al consiglio superiore dei lavori pubblici nell’assoluta indifferenza di una classe partitica, politica e sindacale che non muove un dito mentre la calabria affonda sul piano economico e sociale."Lo scrive in una nota Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”.

"I dati del rapporto della Banca d’Italia- prosegue la nota - (e di tutti gli studi delle più note agenzie di rating), vedono un Mezzogiorno in piena crisi ed una Calabria purtroppo sempre più ultima con un Pil (prodotto interno lordo), prossimo allo zero e tutti gli indicatori di settore di molto inferiori alla media nazionale. La Svimez (Associazione per lo Sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno), a sua volta, in un recente rapporto presentato lo scorso 28 luglio a Roma, dimostra che la regione italiana in assoluto meno preferita dagli imprenditori per insediare nuovi imprese è la Calabria che diventa come sempre ultima! Tutto ciò origina diversi problemi tra i quali – come riferisce la Svimez – il più allarmante resta senza ombra di dubbio il dato sui giovani calabresi che hanno intrapreso sempre più la via dell’emigrazione per puntare davvero ad un futuro che non riuscirebbero mai a costruire in una Calabria che ha una disoccupazione giovanile che giunge addirittura al 60% (mai così alto nella storia)."

"Come si evince da ogni rapporto e da ogni analisi economica- scrivono ancora - la causa maggiore del triste scenario in cui versa la Calabria è quella legata al gap infrastrutturale di viabilità e trasporti di cui soffre la nostra regione che gli impedisce di aprire ai mercati del Nord e della zona euro-mediterranea e vieta al nostro sistema produttivo di modernizzarsi e competere in un panorama che diventa sempre più globale. Gli industriali italiani e stranieri continuano a percepire il Mezzogiorno e, soprattutto, la Calabria come un’area arretrata in cui è impossibile arrivare con collegamenti stradali, ferroviari ed aerei. Tutto ciò, naturalmente, impedisce alla nostra regione di poter rilanciare due settori ormai al collasso che possono però costituire un volano per lo sviluppo: l’agricoltura ed il turismo."

Eppure, investire al Sud sarebbe utile ed in Calabria lo sarebbe ancora di più: lo sostiene uno studio di Srm (Intesa San Paolo), che rivela, ad esempio, che per ogni 100 euro di investimenti effettuati nel Mezzogiorno il Centro Nord del Paese guadagna 41 euro. "Investire nel Mezzogiorno produce un duplice effetto – spiega Massimo Deandreis, dirigente di Srm – crea sviluppo nel Mezzogiorno e produce una rilevante ricaduta economica su tutto il territorio nazionale".

In questo contesto drammatico per il Sud e per la Calabria in particolare ed in un contesto storico ed economico in cui servirebbero maggiori investimenti per la nostra regione e, quindi, per il Paese l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” intende denunciare l’immobilismo delle istituzioni, della politica e del sindacato circa l’ammodernamento del 3° Megalotto della S.S.106 tra Sibari e Roseto. Siamo oggi al primo luglio e la classe parlamentare calabrese tutta (senza alcuna distinzione), non è riuscita a dialogare per condividere un processo politico unitario capace di rappresentare gli interessi generali della nostra Calabria al fine di spronare il Governo affinché siano avviati al più presto i lavori della Nuova S.S.106 nell’alto jonio cosentino.

"Non riteniamo che - conclude l'associazione - ci sia alcuna giustificazione che possa tenere rispetto all’immediata esigenza di far entrare in Calabria la Nuova S.S.106 che, lo ricordiamo, è stata già tutta ammodernata nel tratto pugliese e lucano e riteniamo – per ogni giorno di ritardo – responsabili le forze politiche calabresi, i parlamentari calabresi in vacanza a Roma e tutte le sigle sindacali. Tutti, nessuno escluso, sono responsabili di questi ritardi che offendono una Calabria ed un Paese che spera nel cambiamento."