In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Politica sociale. Parte il trasferimento competenze da Regioni a Comuni

Calabria Attualità

L’Assessore regionale alle “Politiche sociali” Federica Roccisano ha presieduto, nella sede della Cittadella, un incontro con i Comuni capofila dei distretti sociali, i responsabili del Terzo Settore ed i referenti di Federsanità Anci. Alla vigilia del trasferimento formale delle competenze dalla Regione ai comuni, gli attori coinvolti nel processo – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta - hanno avuto la possibilità di incontrarsi per superare gli aspetti di criticità e procedere, in maniera condivisa nel percorso di riforma.

"Dopo aver chiuso l’accordo sull’empowerment del personale con FederSanità Anci - ha detto l’Assessore Roccisano - abbiamo ritenuto opportuno incontrare sindaci e parti tecniche dei distretti per confrontarci sulle metodologie da applicare. Siamo consapevoli che il passaggio delle competenze non potrà essere automatico e diretto, come per altro sottolineato da alcuni sindaci ed amministratori che hanno partecipato all’incontro. Per questo motivo, dopo aver lavorato intensamente con il Tavolo tecnico del sociale abbiamo pensato di attivare il confronto con i sindaci e calendarizzare il percorso di formazione ed accompagnamento a beneficio degli uffici comunali che saranno sostenuti anche con l’immissione di personale da parte delle UOT in competenza alle Regioni.

Di certo l’apporto di Simone Naldoni di Federsanità Anci sarà prezioso per superare le criticità presentate dagli amministratori, dal momento che possiamo contare su quanto già realizzato da tutte le altre regioni italiane. I prossimi sei mesi ci vedranno coinvolti, ognuno per le proprie competenze, per completare al meglio questo passaggio che la legge regionale prevedeva già da tredici anni, e programmare questo passaggio nella tutela massima sia dei carichi di lavoro degli uffici comunali che soprattutto dei beneficiari finali del settore"