In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Inizia la campagna per le tartarughe marine

Calabria Attualità

C’è bisogno di sensibilizzazione e lavoro assiduo per tutelare l’ambiente che ci circonda, c’è bisogno di sforzi notevoli per preservare il nostro ecosistema dagli scempi e dallo sfruttamento indiscriminato di risorse naturali ed animali che minano la nostra salute e la nostra sostenibilità. Per questo ci sono volontari che quotidianamente si impegnano per raggiungere il maggior numero di obiettivi possibili con forze e mezzi propri e tanto sacrificio.

Dopo il lavoro svolto sul referendum contro le trivellazioni il lavoro territoriale continua e giunge al periodo estivo e al progetto TartaCare. Come è noto a molti le nostre coste sono costantemente scelte da esemplari di Caretta-Caretta per la deposizione delle uova. Lo scorso anno il nucleo di Rossano insieme ai ragazzi dell’Oasi WWF di Policoro e a Patrizia Rima dell’Unical ha presidiato per settimane la spiaggia di Pantano Martucci dove era stata segnalata una covata di tartarughe. Giorni di lavoro e lunghe attese culminati, purtroppo, con una mareggiata che si è portata via l’intera struttura di scivolamento.

“Quest’anno - scrive il Wwf - ci siamo riorganizzati, nuovi volontari hanno deciso di darci una mano e nei prossimi giorni inizieremo la campagna vera e propria. Domenica 19 allestiremo un banchetto informativo sul lungomare per chiedere a tutti i frequentatori delle spiagge di segnalarci qualsiasi attività o traccia sospetta sul nostro litorale. Al tempo stesso chiederemo a tutte le strutture balneari della zona di affiggere la nostra tabella di riconoscimento con i numeri da chiamare in caso di avvistamento. Dalla prossima settimana inizieranno i turni di “pattugliamento” delle coste messi in atto da aderenti e simpatizzanti. La lotta per preservare il pianeta e l’ecosistema si fa anche lasciando materiale informativo alla gente o passeggiando sulla spiaggia all’alba in cerca di tracce o segni di nidificazione. Lanciamo dunque un appello a tutti coloro che vogliono impegnarsi “sul campo” di darci una mano e aderire in qualsivoglia modo alle nostre attività”.