In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Ferrovie: svolto confronto fra i rappresentanti dei pendolari e le aziende sul nuovo orario estivo

Calabria Trasporti

L’Assessore regionale alle Infrastrutture Roberto Musmanno ha presieduto ieri una riunione, conclusasi nella tarda serata, alla presenza dei rappresentanti di Trenitalia e RFI, con i rappresentanti di Federconsumatori e delle cinque associazioni di pendolari accreditate presso l’Assessorato: Fuori Binario, Ferrovie In Calabria, Pendolari Treni 106 (PT106), Associazione Pendolari Jonica (APJ) e Comitato Pendolari Alto Tirreno Cosentino.

L’incontro – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta - ha avuto lo scopo di fare il punto della situazione sul nuovo orario ferroviario estivo. Sono state esaminate le proposte di modifica pervenute nelle ultime settimane da parte di associazioni e singoli utenti. Le modifiche proposte erano state preliminarmente esaminate dalla task force congiunta Trenitalia-Regione Calabria, voluta dall’Assessore alle Infrastrutture. Nella riunione, attraverso il confronto fra i rappresentanti degli utenti e le aziende, mediato dalla Regione, è stato deciso quali fra le proposte di modifica siano compatibili con il modello di servizi in vigore e con le risorse economiche disponibili. Tutte le proposte ammissibili sono state recepite dalla Regione e poste all’attenzione di Trenitalia perché approfondisca la valutazione di fattibilità tecnico-economica, al termine della quale si è impegnata a comunicare, in tempio brevi, le misure implementabili ed i tempi di realizzazione per ciascuna.

L’orario è in vigore dallo scorso dodici giugno e realizza un modello basato sui principi del cadenzamento, della velocizzazione e della facilità di interscambio fra le tratte. Rispetto al precedente orario, grazie al nuovo modello, i chilometri di percorrenza dei treni regionali sono aumentati di 200.000 all’anno. Sulla linea jonica, ad esempio, la percorrenza media giornaliera è incrementata di circa 1.400 chilometri. I treni/giorno passano da 172 a 185. Si realizza così un risultato in controtendenza con qualsiasi altra precedente programmazione di servizi. Nonostante i vantaggi, sono state segnalate dagli utenti alcune criticità che la Regione si è impegnata a gestire subito, attraverso l’interlocuzione con Trenitalia e RFI e coinvolgendo le associazioni.

“Sono soddisfatto –ha detto l’Assessore Musmanno - per l’esito della riunione e per il clima estremamente collaborativo che l’ha caratterizzata. La mia impressione è che le decisioni assunte siano state apprezzate da tutte le associazioni intervenute. La loro soddisfazione è anche la nostra. L’approccio positivo, per il quale ringrazio i partecipanti, Trenitalia e RFI ci rende ottimisti nei riguardi delle possibilità di successo della grande maggioranza delle modifiche e lascia ben sperare anche per le future interazioni fra gli attori coinvolti”.