In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

‘Ndrangheta: operazione “Gringia”, il pm chiede 11 ergastoli

Vibo Valentia Cronaca
28 notizie correlate

Il pm Camillo Falvo, della Dda di Catanzaro, ha chiesto l’ergastolo per undici degli imputati nel processo che è nato dall’operazione Gringia, che riguarda due faide che si svilupparono tra il 2011 ed il 2012, nel vibonese, e che videro contrapposta la cosca dei Patania contro i Bartolotta e contro i Piscopisani. Al centro del processo tre omicidi e sei tentati omicidi.

Gli ergastoli sono stati chiesti dal pubblico ministero per Giuseppina Iacopetta, 62enne vedova del boss Fortunato Patania (che fu assassinato nel settembre 2011); Nazzareno, Saverio, Salvatore e Giuseppe Patania, figli di Icopetta e tutti di Stefanaconi; Pantaleone Mancuso, detto "Scarpuni" (di Nicotera Marina) e ritenuto esponente di spicco dell'omonima cosca; Cosimo Caglioti e Cristian Loielo, entrambi di Sant'Angelo di Gerocarne (nel vibonese); Salvatore Callea, di Oppido Mamertina (Reggio Calabria); Francesco Lopreiato (di San Gregorio d'Ippona) e Giuseppe Comito di Vibo Marina.

L’OPERAZIONE GRINGIA

Il blitz scattato nel novembre del 2012 portò al fermo di undici persone in diverse località della province di Vibo Valentia, Reggio Calabria e Viterbo documentando, come dicevamo, lo scontro tra la cosca Patania di Stefanaconi (legata ai “Mancuso” di Limbadi-Nicotera) e quella della cosiddetta “Società di Piscopio” di Vibo Valentia, considerata emergente, e dei “Petrolo-Bartolotta” di Stefanaconi.

I fermati erano stati ritenuti responsabili, con differenti ruoli, degli omicidi di Michele Mario Fiorillo (ucciso a Francica il nel settembre 2011), di Giuseppe Matina (assassinato a Stefanaconi nel febbraio del 2012) e Francesco Scrugli (freddato a Vibo nel marzo 2012); nonché del tentato omicidio di Giuseppe Matina (a Stefanaconi nel dicembre 2011), di Francesco Scrugli, (commesso a Vibo nel febbraio 2012) di Francesco Calafati (commesso a Stefanaconi nel marzo 2012) e di Francesco Nazzareno Meddis (commesso a Stefanaconi nel giugno 2012).