In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Pratticò, Unimpresa: “troppi aumenti della spesa pubblica”

Calabria Attualità

"Il debito pubblico italiano è cresciuto di 108,3 miliardi di euro in due anni: dai 2.120,4 miliardi marzo 2014 è arrivato ai 2.228,7 di marzo scorso. In termini percentuali l'incremento è del 5,11%. In questo arco di tempo, salvo sporadiche occasioni, legate per lo più a eventi di cassa e non di risanamento strutturale, non c'è mai stata una significativa inversione di tendenza". E' quanto scrive il presidente regionale di Unimpresa-Calabria, Giuseppe Pratticò.

"Il debito - continua la nota - è sistematicamente cresciuto e la voragine nei conti statali italiani si è allargata al ritmo di 4,5 miliardi al mese. Un aumento che appare indirizzato a sostenere la crescita costante delle spese correnti del bilancio statale: tra il 2014 e il 2015, le uscite per acquisti, servizi, appalti, forniture, sanità, stipendi e pensioni sono passate da 483,8 miliardi a 536,4 miliardi, in salita di 52,6 miliardi (+10,87%); contemporaneamente sono diminuite le spese in conto capitale (gli investimenti pubblici), passate da 56,3 miliardi a 44,9 miliardi in discesa di 11,3 miliardi (-20,13%).

Lo segnala il Centro studi di Unimpresa che ha realizzato una analisi flash sui dati diffusi dalla Banca d'Italia. "In due anni il governo di Matteo Renzi ha accumulato oltre 100 miliardi di nuovo debito: se lo avesse fatto per far aumentare gli investimenti pubblici, funzionali al rilancio dell'economia, lo avremmo apprezzato e pure sostenuto. Invece, il rosso è cresciuto perché si continuano a finanziare gli sprechi. Aumenta la spesa pubblica corrente, mentre cala quella in conto capitale. Ci sembra che l'esecutivo stia andando nella direzione sbagliata".