In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Progetto “Biorti Didattici”, ideato e attuato dall’ARSAC

Calabria Attualità

Con il successo dell’iniziativa denominata “Biorti Didattici”, vale a dire il filo verde che, dal Pollino all’Aspromonte, attorno al tema dell’agricoltura biologica e della sana alimentazione, ha unito e coinvolto oltre 600 alunni provenienti da diverse scuole calabresi, si sono aperte ora nuove e concrete prospettive di proroga e di allargamento del progetto a partire dal prossimo anno scolastico, grazie ai finanziamenti recentemente accordati dalla Regione Calabria e dal Ministero dell’Agricoltura.

Insomma, il progetto “Biorti Didattici”, ideato e attuato dall’ARSAC, l’Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese, di concerto con la Sovrintendenza Scolastica Regionale e con l’Assessorato Regionale all’Agricoltura, ha dato ottimi frutti.

L’esperienza, brillantemente attuata, grazie all’impulso e alle sollecitazioni del direttore generale dell’Arsac, Italo Antonucci, e del gruppo di lavoro guidato da Michelangelo Bruno Bossio, coordinato dallo stesso funzionario e da Vincenzina Scalzo, e formato da Pasqualino Tallarico, Luigia Florio, Raffaelina Fragale, Saverio Filippelli, Piero Pittore, Teresa Borrelli, Paolo La Greca, Pompeo Gualtieri, Fausto Zicca Antonio Di Leo, Vincenzo Cilona, Antonio Scalise, Vincenzo Melissari e Aldo Cannizzaro, si è realizzata in ben 5 Centri Sperimentali Divulgativi dell’ARSAC ( Mirto, Caselle di San Marco Argentano, Cropani, Villa Margherita e Gioia Tauro) avendo ottenuto l’entusiastica partecipazione di 30 classi di 8 istituti comprensivi statali: Mirto, Cariati e San Marco Argentano in provincia di Cosenza; il “Pascoli” di Catanzaro e Cropani sempre nel catanzarese; il “Cutuli” e il “Rosmini” di Crotone; e Gioia Tauro nel reggino.

Per facilitare il percorso formativo, e cioè per meglio rispondere alle esigenze organizzative e didattiche delle classi coinvolte, il progetto ha dato luogo a una prima fase di dialogo e confronto tra divulgatori e insegnanti circa tempi e modalità di attuazione dell’iniziativa insieme alla verifica, che ha portato alla redazione di un primo report, sulle conoscenze e sulle curiosità dei ragazzi rispetto al tema e ai prodotti dell’orto.

Le attività, svolte nell’ambito di veri e propri percorsi-laboratori formativi, hanno messo in relazione i bambini con un mondo, che, benché vicino, spesso non conoscevano, cioè i campi agricoli, l’agricoltura biologica e quindi la corretta alimentazione, rendendoli protagonisti nella nuova esperienza di scoperta attraverso mirate azioni tra gioco e percezione sensoriale; azioni e scoperte che si sono rivelate, al tempo stesso, fortemente educative e istruttive; una vasta e bella nuova lettura dei campi agricoli con lezioni a cielo aperto sulle coltivazioni senza l’utilizzo di antiparassitari, erbicidi o concimi chimici, ma usando metodi naturali per la produttività delle piante, riciclando anche rifiuti vegetali e animali come risorse rinnovabili per assicurare e migliorare la fertilità del suolo.

Un secondo approccio alla materia ha ulteriormente favorito il protagonismo dei ragazzi, che cimentandosi direttamente con i lavori nell’orto, hanno riflettuto – su sollecitazione e con il sostegno degli insegnanti e dei divulgatori – con considerazioni e valutazioni individuali e collettive relativamente alle abitudini alimentari e alla dieta equilibrata per avere un rapporto sano con il cibo, ma anche rispetto alla biodiversità dei prodotti e alla stagionalità coi suoi ritmi e i suoi cicli. Da qui la necessità per l’uomo di assicurare sempre un quadro di sostenibilità ambientale e di rispetto dell’ecosistema.

Gli alunni hanno infine raccontato le loro esperienze sul campo nella manifestazione scolastica “La Festa dell’Orto” tenutasi nelle rispettive scuole. Mentre l’ARSAC conta a breve di presentare il report dell’iniziativa a Catanzaro presso la Cittadella degli uffici regionali e quindi di replicare nelle prossime settimane nelle diverse sedi dei Centri Sperimentali Divulgativi, protagonisti dell’iniziativa realizzata, con un ciclo di incontri di presentazione al pubblico dei risultati e degli obiettivi raggiunti, nonché di precisazione delle linee e delle prospettive di sviluppo del progetto.

“Ora si aprirà una nuova fase” – assicura l’ing. Italo Antonucci, direttore generale dell’ARSAC – “che riguarderà l’allargamento dell’esperienza maturata ad altre scuole ”. Così tale esperienza di esplorazione, osservazione, manipolazione e creazione che vuol dire messa a dimora di piantine, o fare trapianti, scerbature o costruire lombricai o altro ancora la potranno incontrare, per farne tesoro, altri alunni calabresi.