In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

‘Ndrangheta: Nuovo Cortometraggio di Klaus Davi

Calabria Tempo Libero

E’ visibile in streaming https://www.youtube.com/watch?v=8FlFeHKQfwE il nuovo corto di Klaus Davi girato il giorno del venerdi santo nel comune di San Luca in Aspromonte, teatro fino a pochi anni fa di una fra le piu sanguinose faide della storia della Ndrangheta che ha contrapposto il clan Strangio al clan Pelle Vottari , e da cui originò la famigerata strade di Duisburg nel 2007, in cui vennero trucidate sei persone.

Il corto è un ritratto crudo e diretto dei sanluchesi, che inizialmente accolgono il reporter (presentatosi in paese da solo, proprio per dare un segnale distensivo) con frasi non proprio simpatetiche “chi ti conosce ti evita, qui non sei il benvenuto. Perché sei venuto qua? Gira al largo e riprendi il panorama.” Qualcuno è anche più esplicito “ti distruggiamo la telecamera”. Ma poi, il clima si svelenisce un po’. Klaus Davi offre da bere fanta e aranciate ai bambini che scorrazzano per la piazza e che non lo mollano neanche un minuto. E da vita a un improvvisato talk all’aperto con alcuni uomini del paese che dapprima lo accerchiano e poi iniziano a parlargli ; e nel quale emergono i ricorrenti e drammatici problemi del sud : la lontananza delle istituzioni, la mancanza di lavoro, la miopia della politica, il senso plastico di abbandono e sconforto.

Il video-racconto si chiude con l’affollata – quasi esclusivamente da donne - funzione religiosa del venerdi santo nella chiesa di Santa Maria della Pietà . Il parroco di san Luca, don Pino Strangio, rompe il ghiaccio e accoglie il giornalista con la massima disponibilità (‘almeno sei venuto in prima persona sul posto’, sottolinea). A San Luca si voterà il prossimo giugno visto che la precedente amministrazione comunale era stata sciolta per mafia dal ministro degli interni nel 2013.