In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Usb: un successo incredibile lo sciopero contro la Sacal

Calabria Attualità

"Dopo lo straordinario successo dello sciopero Sacal, indetto per protestare contro la cessione di ramo di azienda, che espone i lavoratori dello scalo di Lamezia Terme all’incognita di un futuro incerto e senza garanzie, è il momento di fare alcune riflessioni." È quanto scrive in una nota l'USB Calabria Trasporto Aereo.

"La prima - prosegue l'Usb- è che la Sacal e gli enti pubblici che ne sono azionisti, devono prendere atto che l’80% dei lavoratori handling, ha decisamente e fortemente osteggiato sia l’accordo siglato con Cisl e Uil, sia le decisioni del CdA, festeggiate come positive dalla Cgil."

"La creazione di questo nuovo soggetto - aggiunge il sindacato - per i servizi handling non lascia assolutamente tranquilli i lavoratori, come da tempo sostenuto dalla USB e come la riuscita dello sciopero ha dimostrato. La seconda è che i lavoratori non si sono piegati alle logiche repressive imposte dalla Sacal ed hanno comunque aderito in massa allo sciopero ed alla manifestazione spontanea svoltasi davanti l’aerostazione. Infatti, malgrado la dirigenza Sacal abbia posto in essere azioni contra legem contingentando tutti i lavoratori in turno (senza preventivo accordo con la USB che organizzava lo sciopero), questi ultimi hanno voluto comunque manifestare la loro assoluta contrarietà all’accordo, nonostante i tentativi di ritorsione messi in campo da Sacal. Alla luce della grande prova di forza dei lavoratori Sacal, chiediamo oggi con forza che tutta la vicenda legata alla cessione di ramo d’azienda venga rivista - afferma - e che gli accordi sottoscritti e le decisioni del Cda vengano rimessi in discussione, anche perché tali scelte sono, comunque, in controtendenza, rispetto alle recenti disposizioni ENAC di limitare la liberalizzazione a Roma, per i danni e disservizi che ha prodotto."

"La prima occasione - conclude l'Usb - si presenterà già il 12 aprile prossimo quando il Consiglio Comunale della città di Lamezia Terme (azionista di maggioranza relativa della Sacal), discuterà della questione con i rappresentanti sindacali. In quella sede, la USB ribadirà l’assoluta contrarietà all’accordo e che la volontà dei lavoratori è assolutamente diversa da quella che Sacal ed i sindacati collaborativi hanno concordato."