In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Vallefiorita e la Calabria: grande successo alla fiera del libro di Bologna

Calabria Attualità

Regione Calabria.Unico stand istituzionale presente alla Children’s Book Fair di Bologna. Ancora una volta una presenza che pesa, se si considera che la Calabria è considerata una regione fuori dalle rotte culturali, fuori da quel mondo elabora cultura e persino da quello che la consuma.

Nello stand della Regione Calabria, Vallefiorita è l’unico Comune calabrese presente: espone i prodotti del suo operato (libri, locandine, segnalibri, cd, brochure) e mostra le sue realizzazioni in uno spazio compreso tra le migliori case editrici calabresi per bambini: la Falzea di Reggio Calabria e le Edizione Expressiva di Spessano Albanese, tra Coccole&Books e la Falco Editore di Cosenza.

Gianni Paone, presidente dell’Associazione Terra di Mezzo in rappresentanza della Biblioteca Errante di Vallefiorita, ha affermato che “Vallefiorita ha conquistato questo spazio grazie all’esperienza della Biblioteca Errante, alle sue parole offerte in dono , parole per curare e guarire dalla solitudine e dall’abbandono, parole per nutrire a ricreazione e a merenda, ma anche a pranzo e a cena; parole per narrare e affabulare. Un grazie anche all’amministrazione comunale di Vallefiorita ed al suo assessore alla cultura che in questi anni hanno sostenuto le attività della biblioteca”.

Nello stand della Regione Calabria la Biblioteca Errante ha presentato le sue ultime produzioni: la nuova edizione di Picchio Verdicchio, filastrocca sulla libertà con testo italiano/inglese, di Patrizia Fulciniti, tradotto da Alice Salvoldi e illustrata dal’artista Giapponese Yukiko Kajivara; il libro “Comincia l’avventura”, workshop di scrittura creativa – filastrocche, haiku e limerick, scriti dai bambini della Biblioteca Errante: la filastrocca sull’amicizia, con testo italiano/inglese di Teresa Murgida, tradotto da Micaela Papa e illustrato da Despina Thrasivoulou /Cysprus); gli sketches for a children’s picture book di Dina August-Valts (Azerbaijan).

I tanti visitatori che si sono fermati presso lo stand della Regione Calabria hanno manifestato curiosità e interesse per quanto la Biblioteca Errante e l’Associazione Terra di Mezzo che ne è la promotrice ha realizzato finora, e per quelli che sono i progetti futuri: la quarta edizione del festival internazionale della lettura e dell’immagine “La Valle delle Storie” che si terrà a Vallefiorita nel prossimo mese di Agosto, saranno giorni di festa con narratori, autori, editori, illustratori, bibliotecari, artisti e musicisti impegnati in workshop con i ragazzi, in letture ad alta voce, in spettacoli itineranti tra gli stand dove le scuole esporranno le loro produzioni in quella che sarà anche la prima Fiera della didattica.

Il Presidente dell’associazione Terra di Mezzo, Gianni Paone, continua affermando che “che per Vallefiorita questa presenza alla Fiera del libro di Bologna è stata importante per presentare l’attività della Biblioteca Errante, per parlare dei progetti futuri, per tessere relazioni con biblioteche, associazioni, autori, illustratori. Per non dimenticare che l’atto dell’adulto che legge ad alta voce per il bambino è – come scrive Pietro Citati – uno dei momenti supremi della vita. Per non dimenticare che le parole possono costruire momenti supremi e donare attimi di magia”.

Infine occorre sottolineare che per la prima volta a Bologna, oltre la Biblioteca Errante, sono presenti anche altri soggetti calabresi quali la Biblioteca dei Ragazzi di Reggio Calabria, il Museum Children ebook del Parco nazionale della Sila, l’associazione culturale La Guarimba, Teomedia. L’idea che sta maturando è di dare continuità all’esperienza bolognese creando un partenariato tra mondo associativo, istituzioni culturali ed editori per operare in sinergia, pur nel rispetto delle diverse specificità, per la promozione della cultura e della lettura. E questo sarebbe un grande risultato, che fa ben sperare, sul prossimo futuro della cultura in Calabria.