In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Pasqua in sicurezza, le regole di Adiconsum

Calabria Attualità

“Mai come in questi giorni è giusto sottolineare l’importanza che ha la corretta etichettatura dei prodotti alimentari che in occasione della festa i calabresi metteranno sulla tavola. Allora facendo leva sui gusti di grandi e piccoli diciamo subito che per le carni suine, ovine, caprine e avicole devono indicare in etichetta l’origine sia del Paese di allevamento che di macellazione”. È quanto scrive Silvia De Gori, Adiconsum Catanzaro – Crotone e Vibo.

“Per indicazione di origine si intende il nome in chiaro del Paese di nascita, allevamento e macellazione; solo questo garantisce che l’animale è stato allevato, macellato ed è pure nato in un unico territorio. Quindi se nell’etichetta compare la scritta “ origine Italia” abbiamo la certezza che si tratta di animali italiani al 100% allevati e macellati nel nostro paese; ove la dicitura riporta “allevato e macellato in Italia” , vuol dire che l’animale è nato all’estero e poi è stato trasportato in Italia per essere allevato e macellato.

“Pensando ora ai piccoli, ma non solo, vediamo che tipo di etichetta la Legge Comunitaria impone ai produttori di uova di cioccolato in tutti i paesi dell’Unione Europea. Innanzitutto ci sono delle indicazioni obbligatorie che devono comparire quali: denominazione di vendita che indica esatta tipologia di cioccolato che si sta acquistando (tavoletta, pralina); percentuale di cacao che deve essere contenuta a seconda che si tratti di cioccolato fondente (almeno 35%) o al latte (almeno il 25%); la lista degli ingredienti; il nome e la sede del produttore (e del confezionatore se diverso) e del venditore; il termine minimo di conservazione; per prodotti superiori ai 30 grammi, la quantità di prodotto al netto dell’imballaggio e della sorpresa contenuta al suo interno; circa la sorpresa contenuta all’interno e con uno sguardo più attento rivolto ai bambini è necessaria che sia riportata la marcatura CE acronimo di “conformità alle norme europee”, l’indicazione relativa all’età per cui il giocattolo è ritenuto adatto (in assenza di indicazione si intende adatto a bambini di tutte le età).

“Infine passando all’altro prodotto dolciario che non può mancare sulla nostra tavola, la cara colomba, diciamo subito che deve essere un prodotto da forno a pasta morbida, ottenuto con un processo di lievitazione naturale, deve avere una struttura soffice con glassatura superiore e granella di zucchero e almeno il 2% di mandorle se tradizionale). Ingredienti obbligatori sono: farina di frumento, zucchero, uova di gallina di categoria “A” o tuorlo d’uovo o entrambi, i quantità variabile ma tale da garantire almeno il 4% di tuorlo, burro in quantità non inferiore al 16%, scorse di agrumi canditi in quantità non inferiore al 15%, lievito naturale, sale.

“Ma se proprio vogliamo concederci una buona e sana Pasqua e Pasquetta il nostro vero consiglio non può non essere quello di invitarvi all’acquisto di prodotti locali, per intenderci quelli a KM zero, magari da trovare dal contadino di fiducia o dall’allevatore calabrese. I latticini locali della nostra tradizione e i prodotti dolciari preferibilmente artigianali, basta seguire la filiera e controllare sempre bene origine ed etichetta. E poi continuiamo a curare le nostre meravigliose tradizioni locali, proprio quelle custodite nei piccoli borghi calabresi e nei piccoli paesi dove le donne ancora amano mettere le mani in pasta e ricavarne biscotti, prodotti dolci e salati coi richiami dei profumi e dei colori meravigliosi della nostra regione; i sapori del vento salato del mare e della terra un po’ dolce e un po’ amara che sa di mandarino, di mirto, di bergamotto, di fichi e di olivo, di salvia di cedro e origano, di uva, di pesco e ciliegio, di passione e lavoro, di andate e di ritorni infiniti da questa regione che sa offrire ancora tanto a chi ha occhi per cercare”.