In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Parentela (M5S): “Oliverio si dimetta come assessore all’agricoltura"

Calabria Attualità

Oliverio si assuma la responsabilità politica e lasci subito la poltrona di assessore all’agricoltura della Regione Calabria. I nostri agricoltori non meritano di essere abbandonati in questo modo”. È quanto afferma il deputato M5s Paolo Parentela, membro della commissione agricoltura della Camera dei Deputati, in merito alla recente notizia della perdita di 20 milioni di euro di fondi europei da parte della Regione Calabria. “L’onorevole Oliverio – aggiunge Parentela – aveva basato la sua campagna elettorale proprio sull’incapacità di spendere i fondi europei del precedente governatore Scopelliti, per poi commettere gli stessi errori. La tanto promessa discontinuità con il passato, anche in questa vicenda è rimasta soltanto una delle tante promesse non mantenute”.

Il Cinque Stelle continua: “Bisogna fare assolutamente chiarezza sulle responsabilità del personale operativo del dipartimento che finora si è dimostrato incapace di risolvere il problema. Risultano elenchi di collaudi per 28 milioni di euro sulle varie misure del Por, effettuati ma non liquidati, restituiti all'Arcea perchè inviati in ritardo dai responsabili di misura e dai rispettivi dirigenti. Inoltre vogliamo sapere se è vera la notizia che ci è pervenuta tramite segnalazioni via web, di alcuni responsabili di Misura del Cosentino, precisamente di Mormanno e di Castrovillari, che presterebbero servizio per soli tre giorni la settimana”.

“In realtà – conclude Parentela - sono 28 milioni di euro persi della vecchia programmazione 2007/13, che dovranno essere comunque pagati alle imprese che hanno realizzato le opere, che verranno sottratti, dunque, dalla nuova programmazione 2014/2020, per cui in totale sono stati ‘bruciati’ 56 milioni di euro. Alla faccia della discontinuità e della buona politica”.