In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Oliverio su intervento di monsignor Bertolone: “Politica riacquisti dimensione etica”

Calabria Attualità

Il presidente della Regione, Mario Oliverio, è intervenuto parlando a Catanzaro, nella sede della Giunta regionale, dove stamane il Presidente della Conferenza Episcopale Calabra, mons. Vincenzo Bertolone ha celebrato una messa riservata ai dipendenti regionali.

"La politica - ha detto il governatore - deve riacquistare una dimensione etica perchè solo così può tornare ad essere servizio della comunità. Senza etica è come navigare senza bussola. Possiamo raggiungere traguardi significativise anche la Chiesa, per la sua funzione, ci darà il suo contributo. Da parte nostra, guardiamo con grande attenzione alla funzione che la Chiesa calabrese può svolgere standoci accanto ed aiutandoci a favorire i cambiamenti di cui la Calabria ha bisogno".

Oliverio, poi, ha ringraziato Bertolone per aver accolto l'invito e per la riflessione con la quale, ha detto, "ha colto pienamente quello che vive la Calabria e quello che è necessario alla Calabria. Tutti - ha continuato - abbiamo la consapevolezza del momento difficile che vive la nostra regione e della necessità di recuperare ritardi e di farle cambiare passo. Siamo nella Cittadella dove, ognuno di noi, per le funzioni che svolge, deve sentire il peso della responsabilita' ma anche l'orgoglio dell'appartenenza. E' importante che, a partire dal motore della pubblica amministrazione che è la Regione, si possa cambiare velocità. Ognuno di noi deve sapere che la sua funzione è al servizio del bene collettivo. Occorre recuperare la cultura del bene comune". Ricordando ancora le parole del Presule, Oliverio ha sottolineato che la missione cristiana significa, in primo luogo, rispondere a questi valori. "Significa rispondere in piena trasparenza al proprio dovere. Quando c'è un immigrato che sbarca sulle nostre coste - ha detto - o una persona che soffre o un giovane che ritiene di poter costruire in questa terra una prospettiva, non bisogna girare la testa da un'altra parte, ma bisogna guardare la realta' e sforzarsi di dare una risposta. E' complessa la strada che abbiamo davanti - ha detto ancora Oliverio - ma è una strada che non ha alternative. Rivolgendosi, quindi, al personale regionale, Oliverio ha detto: "la stragrande maggioranza dei dipendenti sono persone perbene, animate di buona volontà. Noi dobbiamo - ha concluso - partire da qui, da queste risorse per cambiare uno stereotipo che proietta anche la Regione nella mente dei calabresi in modo negativo".