In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Il sottosegretario alla presidenza del consiglio giovedì e venerdì in Calabria

Calabria Politica
index-db8c00.jpg
Luca Lotti

A tenere a battesimo l’insediamento della consulta dei sindaci del Partito democratico, che sarà guidato dal primo cittadino di Decollatura Anna Maria Cardamone, sarà il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, Luca Lotti. L’importante organismo, costituito dopo le consulte della sanità e della legalità come luogo in cui discutere in maniera collegiale delle questioni e delle problematiche vere più sentite dai calabresi, si insedierà giovedì 10 marzo nella Casa delle Culture della Provincia di Catanzaro.

Lo comunica il segretario regionale del Partito democratico calabrese, Ernesto Magorno che anticipa gli appuntamenti della due giorni di Lotti nella nostra regione: giovedì, infatti, nella tarda mattinata Lotti sarà a Cosenza dove incontrerà il gruppo dirigente e il candidato sindaco, Lucio Presta; nel pomeriggio alle 17.30 concluderà i lavori della Consulta dei sindaci a Catanzaro, alla presenza oltre che di Magorno e della presidente della Consulta Cardamone, del presidente della Regione Mario Oliverio, del presidente del consiglio regionale Nicola Irto e del presidente della Provincia di Catanzaro e segretario provinciale del Pd catanzarese, Enzo Bruno.

Venerdì 11 marzo, infine, Lotti sarà a Reggio Calabria nella sala Monteleone del consiglio regionale per partecipare ad una iniziativa sulle Riforme istituzionali e sul Referendum. "Le consulte - ha affermato Magorno - sono il luogo deputato a strutturare una progettualità concreta a sostegno dell'operato amministrativo del presidente della Regione, Mario Oliverio. I Comuni e i sindaci rappresentano l’asse portante del rinnovamento e dello sviluppo su cui si poggia la progettualità del Partito democratico che vuole cambiare la Calabria, per questo devono essere protagonisti dell’azione programmatica dell’unico grande Partito che esiste nel Paese”.