In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Sanitá, Guccione: “Basta con i soliti scontri di potere”

Calabria Sanità

"Basta scontri di potere sulla sanità calabrese. Avevamo chiesto al presidente del consiglio regionale, Nicola Irto, la convocazione di un'assise per discutere sulla sanità alla luce del fatto che fosse in preparazione il piano operativo 2016-2018 e la nuova rete ospedaliera. Ci è stato risposto che fosse in atto una interlocuzione fra l'ufficio del Commissario per il Piano di Rientro e la Giunta regionale per la condivisione delle linee guida del Piano operativo 2016-2018 e della nuova rete ospedaliera". È quanto afferma il consigliere regionale del Partito democratico, Carlo Guccione, commentando la scia di polemiche innescate dalla pubblicazione del decreto firmato dal commissario Scura.

"Oggi apprendiamo - continua Carlo Guccione - di una situazione caotica in cui la confusione politica regna sovrana, uno scarico di responsabilità fra chi dice che le scelte sono condivise e chi le ritiene frutto di imposizioni unilaterali".

"Un elemento - sottolinea il consigliere regionale del PD- sembra molto chiaro. Continuare sulla strada della confusione e dello scontro fra poteri rischia di determinare una situazione di implosione della sanità. I calabresi pretendono un'operazione verità. È stato un errore non convocare un consiglio regionale ad hoc. Vanno scoperti e portati a galla gli interessi e i nomi di chi vuole che si continui sulla strada dell'emigrazione passiva di oltre 300 milioni di euro all'anno e senza la garanzia dei Livelli essenziali di assistenza. La sede deputata istituzionalmente ad avviare un'operazione verità è proprio il consiglio regionale. Va rivendicato con forza il ruolo istituzionale del massimo consesso regionale. Non ė più tempo di calcoli e convenienze politiche. Davanti alla portata drammatica di tale vicenda è necessario agire con coraggio e determinazione, evitando il rischio completo di una implosione del nostro sistema sanitario.

Il consiglio regionale è nelle condizioni di poter dare un contributo essenziale - conclude - attraverso un largo coinvolgimento per ricercare le soluzioni adatte e necessarie a smascherare coloro i quali trovano, in questa situazione di scontro continuo, la possibilità di portare avanti i propri interessi lucrando sulla pelle degli ammalati. Sulla sanità in Calabria è ora di voltare pagina".