In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Libretto postale Smart, risparmiatori ritengono di essere stati ingannati dalla pubblicità

Calabria Attualità

Libretto postale Smart, i risparmiatori che ritengono di essere stati ingannati dalla pubblicità (investendo i propri risparmi con un tasso d’interesse dell’1,5% lordo) possono chiedere risarcimento. Caso Volkvagen, assistenza per i proprietari di veicoli che hanno ricevuto la comunicazione di revisione.

Sono, questi, alcuni dei servizi che l’U.DI.CON, l’Unione per la Difesa del Consumatore, con sedi in tutta la provincia di Cosenza, offre ai cittadini – utenti, presso i propri sportelli. Si inseriscono nelle aree tematiche di cui si occupa il sodalizio. È quanto fa sapere Ferruccio Colamaria, responsabile provinciale del sodalizio. Dall’ambiente alle banche e alle assicurazioni, dall’alimentazione alla sanità, dal commercio ai trasporti, dai viaggi e turismo alle utenze, dai problemi legati a casa e condominio alla scuola, passando dalla tutela della privacy alle telecomunicazioni.

Richiedere il risarcimento per la parte d’interessi che i consumatori pensavano di ottenere dalla sottoscrizione del libretto postale Smart. È un diritto dei consumatori. L’Autorità Garante ha sanzionato Poste Italiane per pubblicità ingannevole e pratica commerciale scorretta. I Libretti Smart emessi da gennaio 2015 – precisa Colomaria - venivano sponsorizzati come una tipologia conveniente, con un tasso pari al 1,50% lordo, con spese zero e zero commissioni, una pubblicità scritta a caratteri cubitali che ha indotto gli italiani ad optare per un investimento sicuro e vantaggioso, salvo accorgersi, solo in un secondo momento che, in assenza di determinate condizioni, sarebbe stato applicato in automatico un tasso base pari allo 0,15%. L’U.Di.Con. – continua – è pronta a tutelare chiunque volesse ottenere la restituzione di quanto non corrisposto, attraverso la consulenza offerta nei nostri uffici.

709.712 veicoli coinvolti nella truffa smascherata a danno dei consumatori. La U.Di.Con invita i proprietari d automobili del gruppo Volkswagen che hanno ricevuto la comunicazione a far visionare il mezzo. Per ricevere assistenza è possibile rivolgersi presso le sedi più vicine o scrivere una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .