In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Testimone di giustizia scomparsa a Milano: assassinata e sciolta nell’acido

Crotone Attualità

Lea Garofalo, la collaboratrice di giustizia scomparsa a Milano nel 2009 è stata uccisa e sciolta nell'acido in un terreno a San Fruttuoso, vicino Monza.Una vera e propria "esecuzione", la definisce il giudice che ha firmato il provvedimento che ha portato all’arresto di sei persone in Lombardia, Calabria e Molise e ad un serie di perquisizioni.

Due dei provvedimenti sono stati notificati in carcere a Carlo Cosco, ex convivente della donna, e Massimo Sabatino, già arrestati per un tentativo di sequestro avvenuto a Campobasso nel maggio. Secondo gli investigatori avrebbero ucciso la Garofalo per vendicarsi delle dichiarazioni rese agli inquirenti, a partire dal 2002, contro alcuni affiliati alle cosche della 'ndrangheta di Petilia Policastro (Crotone).

Gli altri quattro destinatari del provvedimento del giudice sono i fratelli di Carlo Cosco, Giuseppe detto Smith e Vito detto Sergio, e altre due persone, una delle quali accusata solo di distruzione di cadavere.

Cosco avrebbe organizzato l'agguatoalla donna a Milano. Con il pretesto di mantenere i rapporti con la figlia avuta con la Garofalo e legatissima alla madre, l’uomo avrebbe attirato la sua ex nel capoluogo lombardo. Quattro giorni prima del rapimento, ha predisposto un piano, contattando i complici, assicurandosi sia il furgone doveè stata caricata a forza, sia la pistola per ammazzarla "con un colpo", sia il magazzino o il deposito dove interrogarla, e infine l'appezzamento dove si ritiene sia stata sciolta nell'acido.