In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Telemedicina: convenzione tra “Pugliese-Ciaccio” Catanzaro e ASP Crotone

Calabria Salute

Stamane, nella sede della giunta regionale a Catanzaro, è stata stipulata la convenzione tra l’Azienda Ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro e l’ASP di Crotone per la trasmissione di immagini relative ai pazienti neurochirurgici.

Grazie al documento di consenso siglato dalle due Aziende, sarà possibile un collegamento operativo tra la U.O. di Neurochirurgia dell’Azienda “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro e le U.U. O.O. di Neurologia e Radiologia dell’ASP di Crotone per l’invio di immagini e la relativa consultazione (telemedicina) con l’obiettivo di una più rapida definizione diagnostica dei pazienti che necessitano di valutazione neurochirurgica urgente, perché affetti da malattie vascolari cerebrali e spinali (emorragie primarie o successive a trombolisi, ischemie complicate da sindrome dell’arteria cerebrale media maligna, aneurismi, malformazioni vascolari artero-venose, fistole durali craniche e spinali, etc…), traumi cranici e traumi midollari.

Alla firma dell’intesa hanno preso parte, alla presenza del delegato del Presidente Oliverio per la sanità l’onorevole Franco Pacenza, il dott. Giuseppe Panella, Commissario Straordinario dell’Azienda Ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro, il dott. Sergio Arena, Commissario Straordinario dell’ ASP di Crotone, il dott. Riccardo Fatarella, Direttore Generale del Dipartimento Salute della Regione Calabria e, in rappresentanza delle U.U.O.O. interessate, il dott. Domenico Bosco, Direttore della U.O.C. di Neurologia del Presidio Ospedaliero “San Giovanni di Dio” di Crotone e il dott. Antonio Veraldi (delegato del Direttore dott. Claudio Ceccotti) della U.O.C. di Neurochirurgia dell’Azienda Ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro”.

Tutto ciò nell’ottica dell’ottimizzazione dei servizi, della razionalizzazione del personale e dei mezzi diagnostici e nella garanzia di una sanità più efficiente ed efficace al servizio del cittadino.