In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Approvato il progetto esecutivo del Bilancio sociale della Regione Calabria

Calabria Attualità

Il gruppo di lavoro interdipartimentale per la predisposizione del Bilancio Sociale della Regione Calabria si è riunito oggi, nella sede della “Cittadella” regionale, alla presenza, fra gli altri, del vicepresidente della Giunta Antonio Viscomi e della Consigliera di parità Stella Ciarletta.

A margine dei lavori, è stato approvato il progetto esecutivo di Bilancio recependo, così, quanto già previsto dalla deliberazione del 2015 con cui la Giunta ha provveduto ad approvare le Linee di indirizzo per la elaborazione del progetto.

“Con l’incontro odierno – ha detto il vicepresidente Viscomi – è stato inserito un ulteriore tassello nel percorso che, da qui a breve, condurrà alla redazione e diffusione del primo progetto di Bilancio sociale della nostra Regione. Un percorso al quale crediamo molto e sul quale intendiamo impegnarci profondamente, al fine di promuovere anche nuovi modelli di corretta ed equilibrata amministrazione, al servizio dell’interesse pubblico”.

Il progetto esecutivo, coerente anche con le azioni di accrescimento della capacità istituzionale previste nell’ambito della nuova programmazione 2014-2020, intende sviluppare e promuovere, entro quest’anno, una prima versione sperimentale di rendicontazione sociale. Con l’obiettivo più ambizioso, supportato da possibili interventi normativi “ad hoc”, di pervenire all’“istituzionalizzazione” di un modello di Bilancio sociale consolidato e alla sua elaborazione annuale.

Nel corso della riunione è stata più volte ribadita l’importanza - nel processo di rendicontazione - annessa alla fase di ascolto e di coinvolgimento degli interlocutori esterni. Siano essi portatori di competenze ed esperienze che di interessi diffusi.

“Ciò – ha concluso Viscomi – al fine soprattutto di soddisfare una domanda di informazione e di partecipazione che potenzialmente proviene da tali soggetti e che può contribuire anche a concentrare l’attenzione sulla soddisfazione dei bisogni della collettività”.

A tal fine, è stata preannunciata la volontà di promuovere una specifica fase di consultazione dei portatori di interesse, articolata in appositi “focus group”, nel corso dei quali gli stessi “stakeholder” possano esprimere il loro parere sull’andamento del processo di rendicontazione o sulle bozze di bilancio man mano prodotte.