In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Calabria Verde, i sindacati: “Necessaria programmazione multi settoriale”

Calabria Attualità

“L’azienda Calabria Verde ha bisogno adesso di una programmazione multisettoriale che abbia una visione strategica di lungo periodo e vincente, una nuova strategia organizzativa condivisa tra tutti gli attori che possa mirare alla valorizzazione delle competenze e delle peculiarità di ognuno; siamo rispettosi e comprensivi dei tempi che occorrono ad operare in questa direzione ma altrettanto rigorosi sull’impellenza di dover affrontare le tante questioni non più rinviabili”. È quanto affermano in una nota congiunta i Segretari Generali di Fai Cisl - Flai Cgil - Uila Uil a seguito della richiesta di incontro e vari solleciti, rivolte al Commissario straordinario dell’azienda Calabria Verde Dott. Nello Gallo, già all’indomani del suo insediamento.

“Noi crediamo – sostengono Gualtieri ,Aiello e Merlino - che ci sia bisogno di un protocollo di relazioni, per stabilire ruoli, competenze e soprattutto il ruolo del sindacato ormai sempre più legittimato come autentico soggetto sociale di riferimento e che meglio di chiunque altro può testimoniare le tante problematiche che imperano nel contesto sociale. Riteniamo sia prioritario un tavolo strategico in cui si facciano delle scelte vere, un tavolo per affrontare le questioni delle emergenze ed intervenire in tempi rapidi dando finalmente attuazione ai tanti annunciati proclami. Per queste emergenze si è ritenuto opportuno e altamente necessario estendere la richiesta di incontro congiuntamente al Governatore Mario Oliverio al quale è spesso andato il monito di tenere conto delle sollecitazioni fatte per mettersi a lavorare tutti insieme anche se con ruoli e responsabilità diverse ed è per questo che chiediamo con forza che la Regione non si isoli, ma che ragioni facendo sintesi per dare le giuste soluzioni ai problemi dei lavoratori. Insomma si vorrebbe – continuano i Segretari - che la politica affrontasse il problema con serietà e con grande senso di responsabilità, soprattutto in un momento in cui la salvaguardia del territorio e del servizio idrografico sono presenti nelle discussioni politiche degli ultimi giorni a seguito dei disastri causati dalle alluvioni. Riteniamo necessario proprio alla luce dei diversi disastri ambientali, cambiare completamente metodo di lavoro, attuando una politica strategica Regionale che punti sulla programmazione e non sull'emergenza, partendo da un "vero piano di messa in sicurezza del territorio" che può solo concretizzarsi attraverso una forte sinergia innanzitutto dei vari dipartimenti regionali coinvolti (agricoltura e forestazione, lavori pubblici, ambiente, urbanistica), protezione civile ed Enti attuatori Calabria verde e Consorzi di Bonifica per fare in modo che si possa partire dalla costituzione di un tavolo Regionale in cui si crei un unico contenitore rispettivamente a risorse economiche e risorse umane e che sia capace di definire tutte quelle azioni utili e necessarie per tutelare il territorio attraverso lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria per evitare danni notevoli sia in termini di doppi costi, sostenuti per l'emergenza, che di vite umane. Tutto questo lo si può concretizzare attraverso grande coraggio e responsabilità impiegando tutte le professionalità presenti nel territorio, lavoratori forestali, sorveglianti idraulici, lavoratori addetti alla manutenzione del territorio, che per operare hanno bisogno necessariamente di determinazioni e chiarezza a partire dalla politica perché è questo il momento in cui la stessa deve comprendere che si deve operare attraverso una strategia comune e integrata dei vari settori per ottenere più benefici. Per questo riteniamo fondamentale e necessaria che ci sia un svolta rispetto al passato cambiando proprio impostazione di lavoro, tutelando il territorio che è un bene comune e va necessariamente salvaguardato. Sarà necessario predisporre una scaletta di priorità partendo da una analisi che faccia emergere come questi dati, da soli indicano delle emergenze che pretendono di essere al centro di una discussione, che il Presidente Oliverio e il Commissario Gallo non possono assolutamente rinviare,disattendendo le aspettative di chi confida nel cambiamento, e se pure l’esperienza di Calabria verde ci ha dato un segnale importante di cattiva gestione a seguito di una conduzione fallimentare,altrettanti segnali di discontinuità dovranno giungere, perché è evidente che c’è bisogno di capire in tempi rapidi, l'inversione di tendenza che si intende e si deve operare. Bisognerà partire dalle cose più semplici per aggredire e risolvere le cose più complesse: Restituire alla Forestazione e alla Sorveglianza Idraulica la giusta vocazione, superare la precarietà, alleggerire la burocrazia,programmazione di investimenti di risorse, una giustizia sociale a 360°, tutti elementi che dovranno essere i primi punti da affrontare e risolvere. In questa direzione Fai - Flai – Uila non faranno mancare il proprio contributo perchè siamo convinti di trovarci di fronte a questo scenario rovente, tuttavia da Sindacato che grida alla tutela e rivendica giustizia sociale, possiamo rassicurare che, anche questa volta, non faremo sconti a nessuno. Pertanto riteniamo –conclude la nota - che sia necessario avviare a tutti i livelli una presa di coscienza di alto e profondo spessore etico e culturale che possa illuminare e sollecitare le coscienze operando scelte coerenti con la responsabilità di ognuno. Il sindacato chiede il coinvolgimento del Governatore della Calabria affinché aiuti e faciliti il percorso di risoluzione di questi annosi problemi per evitare e scongiurare iniziative di lotta che potrebbero scaturire dalla esasperazione e dall'aumento della tensione sociale. Pertanto se non perverrà alcuna risposta alla nota seguente intendiamo agire attraverso Autoconvocazione presso la Sede di CALABRIA VERDE in Via Lucrezia Della valle per manifestare il nostro dissenso contro una politica passiva che continua a non soddisfare le esigenze dei tanti lavoratori.”