In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

La Regione Calabria alla Bit di Milano

Calabria Attualità

Il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio - informa una nota dell'Ufficio stampa - ha presentato, nello stand della Calabria, alla Bit di Milano, nel corso di una Conferenza Stampa, alla quale ha partecipato anche il Sottosegretario di Stato al Turismo e cultura Dorina Bianchi, ha sinteticamente illustrato i dati relativi al bilancio del turismo in Calabria nei primi nove mesi dell'anno scorso.

I lavori sono stati introdotti dal Dirigente generale del Dipartimento "Turismo" Pasquale Anastasi il quale, si è soffermato, in particolare, sulle previsioni per il 2016, con riferimento ai dati forniti dall'anac e dalla sacal, legati ai voli sia di voli di linea che charteristici, cioè solo voli turistici, all'aeroporto di Lamezia Terme. Anastasi, a tal proposito ha detto che "abbiamo buoni motivi per pensare che in quest'anno avremo un serio incremento di arrivi e di presenze". Il Presidente Oliverio, nel prendere la parola, ha ringraziato gli operatori turistici e gli imprenditori, giunti numerosi alla Bit, ed il Sottosegretatio di Stato al "Turismo e Cultura" Dorina Bianchi.

"La sua delega - ha detto - è di grande interesse poichè il turismo è un fattore importante per lo sviluppo della regione. Avere un Sottegretario come Dorina è un punto di forza per le strategie che dobbiamo mettere in campo. Dalle presenze che si sono registrate già in questa prima mattinata, devo dire che c'è un grande interesse per la Calabria. Il fatto che un'autorevole rivista inglese - ha detto ancora Oliverio - abbia indicato tra le prime dieci località da visitare, a livello mondiale, la nostra regione, è un segnale importante che ci riempie di soddisfazione, di orgoglio e che sottolinea quelle che sono le potenzialità della nostra regione. Credo che anche in relazione al contesto più generale, quello del Mediterraneo, la Calabria ha nuove opportunità che bisogna cogliere per intercettare una domanda che può essere indirizzata verso la nostra regione.

Ci sono circa settanta operatori cui abbiamo assegnato uno spazio ampio dove poter incontrare i tour operator che orientano i flussi turistici. Credo che ci sono tutte le condizioni perchè la Calabria possa mettere le ali anche da questo punto di vista. Dobbiamo porre grande attenzione - ha detto Oliverio - alla mobilità, ossia alla necessità di poter arrivare in Calabria in tempi molto ridotti, rispetto a quelli attuali. Su questo settore abbiamo allocato molte risorse sui fondi europei per agevolare la mobilità dall'Europa e dal nord Italia verso la Calabria. Dobbiamo investire molto nei servizi. Il secondo impegno è quello di allargare la stagionalità, senza limitarci al mese di agosto. Rispetto a questo obiettivo stiamo lavorando in tutte le direzioni".

Oliverio ha spiegato che la Calabria è una regione con una realtà originale che consente di raggiungere la montagna dal mare, in appena un quanto d'ora. "Ci rendiamo conto che è molto cambiata anche la natura della domanda turistica che spazia dal turismo religioso a quello dei beni culturali ed a quello sportivo. Non a caso si sta mettendo in campo un progetto per cui la Calabria dovrà essere la regione più ciclabile del Paese. In questa ottica rientra la valorizzazione dei nostri tre parchi, del patrimonio culturale, del patrimonio dei percorsi religiosi. E, partendo proprio dai risultati positivi del 2015, stiamo volgendo l'attenzione anche al turismo estero, dell'est Europeo, perchè si tratta di un programma con una proiezione più ampia".

Anche per il Presidente Oliverio "la stagione che abbiamo davanti si promette positiva". Il Sottosegretario Dorina Bianchi si è soffermata sugli accordi fatti con il Governo russo per incrementare i rapporti anche nel settore turistico, con particolare riferimento alla Calabria. "Noi stiamo vivendo un periodo positivo della stagione turistica perchè coincide con il fatto che rotte come la Turchia e l'Egitto non sono più mete ambite. Sono lieta che anche un assessore della Regione Lombardia mi abbia detto oggi che lo stand della Calabria è quello più bello. Insomma, dobbiamo lavorare così perchè, con le nostre ottime qualità, dobbiamo fare ritornare la gente nella nostra regione. Da questo punto di vista darò, come Governo, tutta la collaborazione possibile alla Regione Calabria, guidata da Oliverio, con il quale abbiamo da tempo un rapporto di stima ed amicizia. Un rilancio del Paese Italia passa attraverso un riordino di tutto il nostro sud".

ANALISI DEL MOVIMENTO TURISTICO

Il sistema informativo turistico della Regione Calabria conduce per conto dell'ISTAT la rilevazione "Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi" che è un'indagine totale che viene svolta con periodicità mensile in conformità al Regolamento (UE) n. 692/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 luglio 2011 che regola le Statistiche Europee sul Turismo. L’indagine è inserita nelle rilevazioni statistiche di interesse pubblico e quindi inserita nel PSN (PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE). La rilevazione quantifica, per ciascun mese e per ciascun comune, gli arrivi e le presenze dei clienti (residenti e non) secondo la categoria di esercizio e il tipo di struttura e secondo il paese estero o la regione italiana di residenza.

Le unità di rilevazione sono le singole strutture ricettive della regione Calabria che hanno l’obbligo di risposta. La copertura attuale fino al mese di settembre è dell’85% delle strutture ricettive. Il presente lavoro è stato elaborato sulla base dei dati rilevati al 31/12/2015 e della stima rispetto ai dati rilevati nel 2014 per le strutture ancora non rispondenti a tale data.

Il trend di breve periodo. Nel 2015 si stimano in Calabria nei primi tre trimestri dell'anno circa 1,3 milioni di arrivi e 7,6 milioni di presenze. Il quarto trimestre di cui i dati non sono ancora disponibili storicamente occupa un'esigua fetta del mercato turistico, che è molto legato alla stagione estiva. L'elevata stagionalità che si ripete di anno in anno, fra gennaio e settembre si registra circa il 84% delle presenze relative all'intero anno .

Nei tre trimestri considerati si osserva una netta ripresa del turismo nazionale e una sostanziale tenuta del turismo internazionale. Bisogna sottolineare che, i turisti che arrivano in Calabria sono per l'83% italiani, mentre seppur negli anni hanno evidenziato tendenze positive, resta bassa la percentuale di visitatori stranieri che nel periodo gennaio settembre 2015 è del 17%, leggermente più consistente l'incidenza delle presenze estere sul totale delle presenze (20%).

Complessivamente nel periodo considerato gli arrivi aumentano del 6,1% mentre le presenze del 4,7%, il maggior incremento degli arrivi rispetto alle presenze indica una diminuzione della permanenza media rispetto allo stesso periodo del 2014, tendenza in atto sia per i turisti italiani che per i turisti stranieri, che rispettivamente aumentano gli italiani (7,2% arrivi, 5,7% presenze) e gli stranieri (1,1% arrivi e 0,7% presenze). Approfondendo l'analisi si osserva un crollo dei turisti russi (-69% di presenze), svedesi (-30% di presenze) e spagnoli (-32% di presenze) e un notevole incremento dei turisti israeliani (+378% di presenze) australiani (+183% di presenze) inglesi (+53% di presenze) e polacchi (+30% di presenze).

Di notevole interesse la variazione avvenuta relativamente al movimento turistico proveniente dalla Russia che nel 2014 era arrivato ad essere il secondo paese dopo la Germania , in termini di generazione di pernottamenti in Calabria, mentre nel 2015 scende alla decima posizione. Relativamente ai turisti tedeschi si registra una sostanziale stabilità con un leggero incremento degli arrivi (+4,2%) e una lieve diminuzione delle presenze (-1,8%).

Dall'analisi del movimento turistico nazionale risulta, come dato da sottolineare, la diminuzione del periodo di soggiorno del turismo regionale interno (0,3 giorni in meno), aumentano, infatti del 10% gli arrivi e diminuiscono dell'1% le presenze, solo poche regioni fanno registrare delle flessioni in termini di movimento verso la Calabria. Il movimento nazionale verso la Calabria è fortemente caratterizzato dalla prossimità, i campani sono storicamente i maggior frequentatori delle coste calabresi, con circa 2 milioni di presenze nei primi 3 trimestri del 2015 e un +5,5% d'incremento, segue il Lazio con circa 760 mila presenze e un incremento del 6,6% e poi Calabria e Puglia con circa 650 mila presenze.

Il mese durante il quale si registrano le migliori performance è il mese di luglio (+11,7% gli arrivi e +8,2% le presenze). L'ottimo andamento del mese di luglio riguarda sia gli italiani che gli stranieri, ma è molto accentuato relativamente alla componente nazionale, ed è sicuramente legato alle condizioni climatiche ottimali che si sono verificate a luglio 2015. Lascia, comunque, presagire un cambiamento nelle abitudini degli italiani che storicamente fanno vacanza quasi esclusivamente ad agosto, che, infatti, resta il mese preferito per raggiungere la Calabria, (il 43% delle presenze del periodo gennaio settembre si è registrato nel mese di agosto).

Le tendenze per territorio. La quota più consistente dei pernottamenti è venduta dalle strutture ricettive costiere, le presenze sulle due coste, infatti, superano i 7 milioni e rappresentano il 93% dell'intero periodo. Le performance migliori si registrano sulla costa ionica (+8,6% gli arrivi e + 5,5% le presenze), molto positivo l'incremento percentuale relativo alle aree montane che però osservando i dati in valore assoluto risultano, turisticamente, poco frequentate.

La provincia di Cosenza con la sua estensione detiene il 35% del mercato delle presenze, segue la piccola provincia di Vibo Valentia con il 28%, mentre, risulta relativamente piccola la quota del mercato delle presenze turistiche in provincia di Reggio Calabria, nonostante si tratti di un territorio molto vocato al turismo. Il mondo del turismo continua a evolversi e a mutare costantemente: analizziamo di seguito tre tendenze mondiali di questo settore.

Tecnologia in evoluzione. Nel mercato del turismo, il mondo del booking online è cambiato più negli ultimi 18 mesi che in tutti gli anni trascorsi dalla sua comparsa a fine anni ’90. Questa tendenza è proseguita nel 2015, con l’evoluzione dei siti comparatori e aggregatori e l’affacciarsi sul mercato di nuove realtà di travel booking in America Latina, Cina e Russia . Le prenotazioni via web vengono effettuate sempre più spesso tramite tecnologia mobile. Nel 2015 è stato stimato che il 25% di tutte le prenotazioni negli Stati Uniti sarebbero state effettuate via smartphone e che anche in molti altri Paesi la percentuale sarebbe stata simile, grazie alle app di viaggio specifiche per dispositivi portatili. Ma la tecnologia continuerà ad avere una grande influenza anche su altri aspetti, fare da soli il checkin delle valigie, procurarsi da soli i pasti e registrarsi in qualunque posto”

La personalizzazione del viaggio. Il nuovo modo di viaggiare prevede la personalizzazione dell’esperienza del viaggio, più spazio alle esperienze uniche, a discapito degli itinerari lunghi e classici; le rotte più originali non sono più esclusive, solo per i viaggiatori più facoltosi, perché tutti hanno accesso a soluzioni di viaggio personalizzate. Sono in crescita i viaggi su misura. C'è un incremento del turismo sportivo, soprattutto del ciclismo negli Stati Uniti ma anche del surf nel continente africano; in Medio Oriente sarà invece il design ad attirare i turisti .

Locale vince su globale. Anche se siamo in un mondo globalizzato (o forse proprio per questo), il trend generale ha visto come protagonista tutto ciò che è locale, sulla scia di AirBnB: è emersa ad esempio la tendenza turistica in Europa di cercare esperienze autentiche come mangiare tipico presso gli abitanti del posto. Sono in aumento le app che mettono in collegamento i viaggiatori con le piccole realtà locali (musicisti, ricette, alloggi,…) e si percepisce una crescente propensione per le strutture, le destinazioni e i brand che valorizzano le tipicità di un territorio (fonte: Trendwatching). Le persone sembrano cercare un senso di connessione e appartenenza e con queste preferenze danno più valore sia al luogo che alle proprie scelte.

Verso il futuro. Sembra quindi che la tecnologia continuerà ad avere un grande impatto sul settore e a rappresentare al tempo stesso un valido strumento per arricchire l’offerta dell’hospitality. I nuovi turisti cercheranno esperienze sempre più ad hoc, per questo l’industria si orienterà alla valorizzazione delle nicchie e alla personalizzazione del viaggio. Molte di queste specificità appartengono al territorio calabrese che pur mantenendo negli anni un “ritardo” rispetto al mercato turistico nazionale e internazionale, allo stesso tempo ha salvaguardato la propria identità sulla quale è importante puntare, bisogna puntare sull'unicità delle destinazioni, valorizzare le peculiarità e le eccellenze dei territori. Il cibo, la storia, la natura, i beni culturali, possono costituire dei potenti attrattori, a condizione che vengano resi fruibili sul territorio e vendibili sul mercato turistico.

(ultimo aggiornamento 18:07)