In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Ricette, Piserà (Noi con Salvini): “Dalla Regione eccessivo immobilismo”

Calabria Salute

L’immobilismo della Regione Calabria e il super commissario alla sanità Scura mandato da Renzi ci stanno portando ad una vera e propria emergenza sanitaria regionale”. È quanto scrive Antonio Piserà il referente di Vibo Valentia della lista “Noi con Salvini”.

La Regione Calabria è l’unica regione a non aver avviato il processo di dematerializzazione della ricetta rossa, introducendo subito la ricetta elettronica entrata in vigore con dpcm del 14 novembre 2015 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre scorso. Ovviamente questo è solo il provvedimento attuativo dell’art. 13 , comma 2 quater, decreto legge 21 giugno 2013 convertito con modificazione alla legge 9 agosto 2013 n° 198.

Ebbene, la Regione Calabria ha avuto ben due anni e mezzo per introdurre la ricetta elettronica, senza causare disagi ai cittadini calabresi. Ma il presidente Oliverio dal momento del suo insediamento è stato troppo distratto per cercare di risolvere i problemi che affliggono la sanità calabrese e ha concentrato tutte le sue forze correndo a Roma per essere nominato lui commissario alla sanità, ottenendo però un bel due di picche dal suo Partito.

Lo stesso Renzi ha deciso con fermezza di mandare il commissario Scura a risolvere l’emergenza della sanità in Calabria, il quale però è troppo impegnato a fare tagli drastici e radicali, senza ascoltare le esigenze che provengono dai territori, cosicché fra poco si troverà ad affrontare un’emergenza che poteva essere risolta con ampio margine. Lungi poi che il problema sia stato affrontato in tempi utili dal Consiglio Regionale o dalla Terza Commissione Sanità dello stesso consiglio, presieduta dal Consigliere del PD Michelangelo Mirabello. I consiglieri regionali, quando entrano nell’astronave di Palazzo Campanella, instaurano distanze siderali con la realtà che li circonda e con i problemi che ogni giorno affrontano i calabresi.

Tutte queste “distrazioni” le pagheranno i cittadini calabresi, soprattutto quelli che hanno bisogno di farmaci salva vita di fascia A, costretti così ad acquistare il farmaco. E si inizia anche già ad avvertire la penuria dei ricettari forniti dal Ministero della Sanità, che stanno andando ad esaurimento. Anche se alcune ASL hanno concordato un piano di emergenza, la cosiddetta ricetta bianca, con i titolari di farmacie per l’erogazione dei farmaci di fascia A, rimane in piedi il grosso problema delle visite e delle prestazioni sanitarie che dovranno essere eseguite fuori regione dai nostri corregionali, costretti ai viaggi della speranza verso luoghi dove avere risposte certe e dove la sanità funziona a dovere.

Un torinese che si troverà in Calabria potrà ritirare un qualsiasi farmaco di fascia A, mentre un calabrese che si trova temporaneamente fuori regione sarà costretto ad acquistare il farmaco, fosse questo un farmaco importante come l'insulina per il diabetico o un farmaco per il cuore per i cardiopatici. Questa situazione, causata dalla negligenza della classe politica dirigente, è vergognosa ed è altresì vergognoso il silenzio del Commissario Scura che, interpellato da Federfarma, ad oggi non ha dato nessuna risposta.

Noi con Salvini, tramite i nostri parlamentari attueremo tutte le opportune iniziative per tutelare il diritto reale alla salute dei calabresi, affinchè la nostra regione possa mettersi in linea con il resto delle altre sanità italiane e che il solco di questo ritardo venga colmato urgentemente. È giusto che i responsabili paghino questo disservizio e che non vada tutto come sempre in cavalleria, perché proprio questo modo di fare ha portato la nostra Calabria ad essere la più povera d’Italia. Noi con Salvini, vogliamo estirpare dalle istituzioni calabresi di ogni livello questo modo di fare, vigilando e agendo senza dare tregua per tutelare gli onesti calabresi”.