In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Latte, Molinaro: “Impegno continuo per giusto prezzo”

Calabria Attualità

“I cittadini-consumatori possono fare molto e l’accordo al Ministero delle Politiche Agricole li chiama direttamente in causa. Infatti, una sempre maggiore informazione sui prodotti a base di latte cento per cento italiano e l’individuazione di un sistema di indicizzazione per i contratti del latte tra imprese agricole e industriali trasformatori sono i risultati scaturiti dall’incontro tra organizzazioni agricole, industriali e settore della grande distribuzione”.

Coldiretti Calabria sottolinea che “si tratta di un passo avanti nel compimento del protocollo d’intesa per la stabilità e sostenibilità della filiera lattiero-casearia siglato il 26 novembre scorso, anche se le questioni legate al prezzo del latte futuro restano ancora aperte. E’ – precisa la Coldiretti – un ulteriore risultato concreto della mobilitazione che nel novembre scorso ha coinvolto anche in Calabria gli allevatori con presidi nei supermercati sotto lo slogans “Giusto prezzo per il giusto latte!”.

“Di latte ce n’è uno solo: quello italiano!”, La battaglia della Coldiretti continuerà – riferisce Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria - per arrivare al più presto alla determinazione di un giusto prezzo da pagare agli allevatori e alla corretta identificazione dei prodotti che lavorano latte italiano con l’indicazione in etichetta, che impedisca di spacciare come Made in Italy il prodotto importato e questo avrà riflessi positivi anche nella nostra regione. Il prezzo del latte fresco moltiplica quattro volte nel passaggio dalla stalla allo scaffale ma agli allevatori non rimangono neanche quei pochi centesimi necessari per dare da mangiare agli animali.

Non è più possibile reggere i costi attuali per produrre il latte senza una adeguata remunerazione del prodotto. Per tale motivo decine di stalle anche in Calabria rischiano la chiusura. La situazione di incertezza riguarda un comparto della zootecnia calabrese che vede coinvolte trecento imprese di produzione e circa un migliaio di addetti operanti nella filiera. Come si ricorderà, a novembre con l’odg n.23 il Consiglio Regionale della Calabria, su iniziativa della Coldiretti, all’unanimità sostenne l’iniziativa della Coldiretti finalizzate alla tutela della peculiarità del latte calabrese anche con specifico riferimento all’effettivo rilancio della Calabria in termini di valorizzazione dei prodotti del territorio”.