In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Lo studio e la pratica dell’atletica leggera negli Istituti penitenziari

Calabria Sport

Un progetto, unico in Italia, dalla portata veramente rivoluzionaria, che prevede lo studio e la pratica dell’atletica leggera in Carcere, è stato avviato dall’Asd Tiger Running Club, presieduta dall'avv. Vincenzo Malomo, in collaborazione con il Comitato Regionale della Federazione Italiana di Atletica Leggera (Fidal) nel penitenziario di Castrovillari.

Il nome “Arcobaleno” dato all'innovativo progetto, che lascerà il segno nella storia del’atletica leggera italiana, rappresenta nelle intenzioni dei coraggiosi organizzatori, la prospettiva di un futuro migliore ed una rinascita interiore favorita dai sani valori dello sport. Lo Sport come sfida contro le proprie debolezze, che va incontro al rispetto della dignità della persona, per promuovere salute e benessere, grazie ai benefici dell’attività fisica, oltre che un processo di ri-educazione attraverso le discipline sportive. L'atletica leggera, insomma, come strategia educativa della prevenzione e del recupero delle persone detenute, alla luce di valori come la legalità e la cooperazione.

Il progetto pilota, che partirà dalla Casa circondariale di Castrovillari a Febbraio 2016 ed avrà durata annuale, prevede, dopo una fase teorica, mediante lezioni tenute da tecnici Fidal e atleti professionisti nelle aule degli istituti penitenziari, l’esercizio diretto delle discipline sportive (corsa, salti e lanci) da parte dei detenuti, negli spazi disponibili all’interno della struttura carceraria stessa.

Testimonial del progetto è il grande Giacomo Leone, ultimo atleta italiano professionista, componente della squadra olimpica, ad aver vinto la maratona di New York nel 1996 con il tempo di 2h 09’54”, e che attualmente ricopre l’incarico di dirigente nazionale Fidal. L’indimenticato campione assicurerà la propria presenza nelle fasi più salienti del progetto, coadiuvando il lavoro di Vincenzo Felicetti, atleta pluricampione mondiale, e degli altri tecnici Fidal nell'allenamento personalizzato, in base alle attitudini degli atleti ed alla disciplina prescelta. Così, in occasione della gara podistica “V Memorial Avv. Francesco De Biase – Trofeo Barbara Malomo”, che la Tiger Running Club organizza a Castrovillari il 22 Maggio, per la prima volta atleti detenuti selezionati proveranno l’emozione di correre e di confrontarsi con altri atleti in una gara ufficiale Fidal. Il progetto della Tiger Running Club è stato accolto senza riserve dalla Fidal Calabria, che ha espresso vivo compiacimento per un’iniziativa altamente meritoria sia sotto l’aspetto sportivo che sociale e umano.