In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Statale Ionica, M5S: “Non serve commissione d’inchiesta ma interventi”

Calabria Trasporti

Per la statale ionica 106 non servono commissioni di inchiesta ma stanziamenti per incrementarne la sicurezza.” I deputati del Movimento 5 Stelle Federica Dieni, Dalila Nesci e Paolo Parentela così commentano la loro decisione di votare contro alla proposta di una commissione parlamentare ad hoc sulla strada calabrese.

Proporre una commissione d’inchiesta parlamentare sulla statale ionica – proseguono i pentastellati - corrisponde ad una perdita di tempo e ad un’inutile spreco di soldi pubblici. Le commissioni d’inchiesta, innanzitutto, vengono istituite tramite legge, con tutte le lungaggini e le incertezze del caso. In secondo luogo la materia delle commissioni d’inchiesta riguarda fenomeni estesi e complessi, come il terrorismo o l’immigrazione, su cui il Parlamento ha gli stessi poteri dell’autorità giudiziaria.

Sulla statale Ionica 106 non c’è alcun mistero da chiarire: si sa da anni quali sono gli interventi necessari e certo non è il Parlamento, un organo politico, che deve indicarli. Ciò che serve sono stanziamenti da parte del Governo ed un’azione da parte dell’Anas. La nostra proposta è stata avanzata in una mozione del Movimento 5 Stelle a prima firma di Paolo Parentela votata nel settembre scorso e in altri atti parlamentari. In essi si formulano impegni al Governo, non la richiesta di ulteriori discussioni. Qualsiasi ipotesi diversa non risolve i problemi della ionica ma, al contrario, è un comodo sistema per politicizzare la questione rimandando le soluzioni vere.