In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Nucera nel consiglio direttivo Turismo Unindustria

Calabria Attualità

L'assemblea nazionale di Federturismo Confindustria, riunitasi a Roma, ha rinnovato il proprio consiglio generale, eleggendo i 15 componenti elettivi per il periodo 2016-2019. Fra questi, è stato riconfermato Giuseppe Nucera referente territoriale della sezione Turismo di Unindustria Calabria, componente del consiglio generale della stessa associazione e membro della Giunta di Assobalneari Italia.

Attraverso la sua candidatura, si è inteso esprimere il pieno riconoscimento al lavoro che Nucera da anni porta avanti, in maniera determinata e costante, in rappresentanza degli interessi delle imprese del comparto turistico. Tra le altre cose, in qualità di responsabile Federturismo Calabria, Nucera ha fornito un qualificato contributo personale e professionale al Progetto Speciale Expo 2015 di Confindustria facendo parte del gruppo di lavoro nazionale, partecipando a missioni in Cina, Giappone e Corea.

“E’ per me motivo di grande orgoglio – ha commentato Giuseppe Nucera - poter continuare l’impegno a favore del turismo calabrese ai tavoli nazionali. Costituisce un elemento di grande importanza, la possibilità di dare continuità al proficuo lavoro svolto in questi anni dalle rappresentanze, provinciali e regionali, che fanno capo al sistema di Unindustria Calabria. Un lavoro che richiede ancora lo sforzo di tutte le componenti che sono direttamente chiamate in causa, nella complessa opera di rilancio di un settore cruciale per l’economia calabrese e, più in generale, per l’intero Mezzogiorno. In questa direzione – ha sottolineato il componente del Consiglio generale di Federturismo - è fondamentale ritrovare, da subito, nuovo slancio operativo e carica progettuale sostenendo l’attività di confronto e dialogo con gli interlocutori politici nazionali, che da sempre vede impegnati i vertici di Federturismo Confindustria. Per quanto riguarda in modo particolare, la Calabria, intendiamo tenere alta l’attenzione sui temi strategici che interessano da vicino il comparto turistico e il tessuto imprenditoriale ad esso strettamente connesso.

A cominciare – ha evidenziato Nucera – dall’avvio di una piattaforma programmatica che affronti i nodi legati alle infrastrutture e ai trasporti, che in Calabria registrano ancora forti ritardi e un’arretratezza complessiva insostenibile per un territorio a forte vocazione turistica. L'auspicio è che la nostra regione abbia presto un assessore al Turismo di cui si avverte la necessità ormai da troppo tempo. Si tratta di un grave vulnus che deve essere sanato al più presto perché rischia di far perdere alla Calabria visibilità e opportunità di crescita vista la rapida evoluzione tanto dello scenario nazionale che internazionale. La classe imprenditoriale ha idee e proposte chiare sulle azioni che è necessario intraprendere in tempi molto brevi. In quest'ottica siamo già al lavoro per creare una rete fra operatori del settore che intende scommettere su quelli che sono i nostri punti di forza, ovvero cultura, arte, bellezze paesaggistiche montane e marine, peculiarità enograstronomiche e, più in generale, sulla straordinaria capacità attrattiva di un territorio che sa fare dell’accoglienza un suo tratto distintivo”.

Un plauso alla prestigiosa riconferma arriva dal presidente di Unindustria Calabria, Natale Mazzuca. “Il riconoscimento al collega Peppe Nucera premia il suo costante impegno e la sua determinazione nel voler contribuire alla crescita di un settore che come sistema riteniamo strategico per il Paese e per la Calabria. Sono certo che Nucera, saprà lavorare insieme agli altri colleghi associati per la diffusione di una maggiore consapevolezza del ruolo che riveste l’impresa turistica per lo sviluppo economico ed occupazionale del territorio, testimoni convinti della necessità di adottare, condividere e praticare le regole proprie della cultura e dell'etica di cui è portatrice l'industria, rispettosa dell’ambiente e valorizzatrice delle specificità della regione e del suo grande patrimonio artistico e culturale”.