In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

A3 in tilt per la neve, soccorsi 200 automobilisti. Anas: “qualcosa non ha funzionato”

Calabria Cronaca
Foto: Cosenza 2.0 (Fb)
18 notizie correlate

Nella sola giornata di ieri circa 200 sono stati i veicoli leggeri soccorsi dopo essere stati bloccati dalle ingenti nevicate piombate sull’A/3 Salerno Reggio Calabria e che hanno creato, per ore, diversi disagi. I malcapitati sono stati guidati fuori dall’autostrada da safety-car fino allo svincolo più vicino.

L’Anas, in collaborazione con la Polizia Stradale e la Protezione Civile, ha soccorso gli automobilisti rimasti in panne, nel tratto compreso tra Cosenza e Altilia Grimaldi dove la neve è caduta in breve tempo per oltre 30 centimetri, che hanno provocato blocchi (dal km 261 al km 263) in direzione sud e (dal km 277 al km 286) in direzione nord.

Pe tutta la giornata, e fina a tarda notte di ieri, il lavoro delle squadre è stato ininterrotto con oltre 50 uomini su strada e circa 25 mezzi spazzaneve e spargisale impegnati per rimuovere le interruzioni causate dai mezzi pesanti in traversati e assistere, anche con informazioni, gli automobilisti e i passeggeri rimasti bloccati.

Le attività hanno consentito, sempre in collaborazione con la Polizia stradale e la Protezione Civile, di raggiungere e prestare soccorso a centinaia di persone rimaste a bordo delle loro auto.

Le condizioni meteo, fanno sapere dalla società che gestisce la rete viaria, tendono ad un miglioramento ma proseguono comunque gli interventi per completare la pulizia del piano viabile dagli accumuli di neve e garantire la massima sicurezza alla circolazione in entrambe le direzione. Circolazione che è stata ripristinata sull’autostrada solo dopo la mezzanotte.

Si ricorda che sul resto dell’autostrada resta in vigore l’obbligo di avere le dotazioni invernali (catene o gomme da neve) tra Padula e Falerna.

ARMANI (ANAS): “COMMISSARIATA STRUTTURA E AVVIATA INDAGINE PER RESPONSABILITÀ”

Intanto si registra la prima presa di poisizione, su quanto accaduto, e da parte del Presidente della stessa Anas, Gianni Vittorio Armani: “è inammissibile che centinaia di automobilisti siano rimasti bloccati per tante ore su un’autostrada. È evidente che qualcosa non ha funzionato” ha detto il numero unito della società che durante l’emergenza si è tenuto costantemente informato sull’evoluzione della viabilità sulla rete calabrese e che ha attivato il commissariamento della struttura di Esercizio dell’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria.

L’Esercizio e la prosecuzione delle operazioni di soccorso degli automobilisti rimasti bloccati dalla neve sono stati assunti a partire dalla serata di ieri, 19 gennaio, dal Vice Direttore Nazionale, Roberto Mastrangelo, che ha subito raggiunto il tratto autostradale interessato dal blocco. È stata avviata contestualmente una indagine per accertare le responsabilità di gestione e le eventuali disfunzioni del piano emergenza neve.

“Da una prima analisi di quanto accaduto - ha aggiunto il Presidente dell’Anas - il mancato o ritardato filtraggio da parte di Anas dei mezzi privi delle obbligatorie dotazioni invernali ha determinato che varie diecine di mezzi pesanti si siano intraversati bloccando il traffico. L’operazione di filtraggio – ha concluso Armani - è necessaria in quanto la A3 non essendo una autostrada a pedaggio non dispone di barriere-caselli che consentono la rapida chiusura per emergenze”.

L’Anas raccomanda ancora prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web www.stradeanas.it oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione `VAI Anas Plus`, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il nuovo numero verde gratuito 800 841 148800 841 148, attivo dal 1° gennaio 2016.