In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Sarah Yacoubi, Coordinatore Regionale F.S.I. Calabria solidarietà a Bova

Calabria Attualità

“Il vile gesto intimidatorio compiuto nei confronti del consigliere regionale e presidente della commissione regionale antimafia Arturo Bova pone nuovamente in primo piano la questione sicurezza in Calabria, in un momento difficile per le amministrazioni locali. Nell’esprimere solidarietà e vicinanza a Bova per quanto accaduto, in una modalità che amareggia e preoccupa, la F.S.I. coordinamento regionale Calabria lo invita a proseguire nel suo impegno politico e amministrativo per la legalità, nella certeza della vicinanza di tutta la società calabrese e della parte sana della Calabria.

Siamo certi - afferma in una nota Sarah Yacoubi, Coordinatore Regionale F.S.I. Calabria - che le indagini delle forze dell’ordine sapranno assicurare alla giustizia in breve tempo i responsabili di questo ignobile atto. Così come siamo certi che dal male possa nascere il bene ovvero che da un gesto di bassa e squallida criminalità possa nascere quello scatto d'orgoglio che sia propedeutico alla rinascita di alcuni valori che sembrano ormai smarriti quali la legalità e la solidarietà.

Occorre innanzittutto far sentire a chi è vittima di intididazioni che non è solo e che non sarà mai solo.Siamo in tanti, una moltitudine - continua la sindacalista- quelli che vogliono ancora e nonostante "crederci" ed unire ogni energia degli onesti, in un percorso comune e trasversale ad ogni pensiero politico. Occorre quindi che in Calabria si smetta di fare comitati d'affari e si torni finalmente a fare politica.

Parliamo della politica che decide per e non sulla gente,parliamo di una politica che sappia risolvere e soprattutto proteggere le decisioni prese(comprese quelle giudiziarie) parliamo di una politica che ad oggi non c'è ma che potrebbe nascere se riusciamo a comprendere che lo sforzo comune deve essere trasversale e non di parte,perchè se ci presentiamo sempre divisi, saremo sempre bollati di essere faziosi finendo per fare,inevitabilmente, l'interesse di quelli che, ingiustamente, deleghiamo a rappresentarci e di quelli che approfittano di ogni contesto di debolezza o abbassamento della guardia per promuovere la ramificazione del malaffare a colpi di intimidazioni.

Solo così potremo ripistinare la legalità e ridare quella serenità di giudizio che non solo la regione Calabria ma anche lo Stato Italiano,attraverso tutte le sue istituzioni,sembra avere smarrito.

Il percorso sarà certamente tortuoso e difficile- conclude la Yacoubi - ma in grado di trasformare la semplice e ,molto spesso vana, speranza in certezza di GIUSTIZIA assoluta.Fatto questo, e ripristinata la legalità ed il comune senso civile di essere fieramte Calabresi liberi dalla corporazione del malaffare si potrà tornare ad essere fieri di appartenere alla politica.Ognuno come gli pare!"