In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Approvata legge screening neonatale, Piero Aiello relatore in commissione sanità

Calabria Sanità

È stata approvata nei giorni scorsi dalla Commissione Sanità del Senato della Repubblica la legge sullo screening neonatale, con un ruolo determinante e centrale del Senatore catanzarese Piero Aiello, nelle vesti di relatore della suddetta iniziativa legislativa presso l'organismo istituzionale. Dopo il voto all'unanimità in sede deliberante, dunque, il testo passerà direttamente alla Camera dei Deputati per il sì definitivo.

"Lo screening neonatale - ha dichiarato Aiello - è un semplice esame che permette di individuare nei neonati oltre 40 malattie metaboliche rare che possono, se prese in tempo, essere neutralizzate o curate. Con questa legge le Regioni dovranno intervenire attuando le medesime regole. Gli accertamenti diagnostici neonatali saranno obbligatori per la prevenzione e la cura delle malattie metaboliche ereditarie nonché sarà previsto l'inserimento nei Livelli essenziali di Assistenza. Una legge importante - afferma ancora il Parlamentare - per la salute dei bambini, per la prevenzione e il riconoscimento delle malattie"

"Con questa legge - continua - garantiremo il diritto alla salute dei bimbi appena nati, aiuteremo le loro famiglie e al contempo le casse dello Stato: puntando sulla prevenzione piuttosto che sulla cura, il Servizio sanitario nazionale risparmierà ingenti risorse e offrirà un servizio migliore. Possiamo ritenerci ancor più soddisfatti - conclude il relatore della legge - ricordando che si è trattato di un percorso lungo e faticoso, durato un paio di anni, ma che oggi vede un risultato certamente importante e dalle visibili ricadute collettive. Sia per l'approvazione in sede deliberante, che ha permesso di accorciare i tempi evitando il passaggio per l'aula, che per il via libera all'unanimità, sintomo di sensibilità da parte di tutti i gruppi politici".