In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Le “canne” ad alto contenuto di cannabis possono danneggiare il cervello

Calabria Salute

Sarebbero ordigni ad alto potenziale per il cervello, le canne di "skunk" o di varietà più potenti di cannabis. Il contenuto di thc, il principio attivo della marijuana, contenuto nei prodotti venduti per strada, si crede sia molto più alto rispetto a un decennio fa - con intorno un 20 % in più dei livelli e ciò comporterebbe una serie di rischi per la nostra materia grigia, o meglio bianca per come ha voluto spiegare uno studio britannico e che Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” ritiene necessario far conoscere anche nel nostro Paese per aumentare i livelli di consapevolezza tra la platea dei consumatori di "maria" e derivati.

La "Cannabis forte" si ritiene, infatti, che contenga livelli elevatissimi del composto chiamato Delta-9 tetraidrocannabinolo (THC).

I prodotti ad alti contenuto di THC potrebbero, infatti, indurre i sintomi psicotici e sono ora considerati la forma più comunemente usata di cannabis nel Regno Unito.

La dottoressa Paola Dazzan, lettrice in neurobiologia delle psicosi dell'Istituto di psichiatria, psicologia e neuroscienze (IoPPN) del King College di Londra, ha dichiarato: "Abbiamo scoperto che l'uso frequente di cannabis ad alta potenza influenza in modo significativo la struttura delle fibre della materia bianca nel cervello, se si è soggetti a psicosi o no. Le canne ad alto potenziale possono causare malattie mentali e sintomi psicotici. Questo riflette una scala mobile dove più si fuma cannabis e maggiore sarà la potenza, peggiore sarà il danno."

Un sistema di imaging noto come DTI è stato utilizzato per esaminare la materia bianca nel cervello di 56 pazienti che avevano segnalato un primo episodio di psicosi. La tecnica di Imaging a risonanza magnetica (MRI) ha testato anche 43 partecipanti in buona salute. La metà dei volontari sani con un'età media di 27 cannabis fumate ogni giorno - rispetto al 70 % dei pazienti psicotici che avevano un'età media di 29. I ricercatori hanno esaminato in particolare il corpo calloso - dove la materia bianca contiene grandi fasci di proiezioni di cellule nervose che collegano le diverse regioni del cervello, consentendo la comunicazione tra loro. Il corpo calloso è particolarmente ricco di recettori dei cannabinoidi, su cui, secondo i ricercatori, il contenuto di THC della cannabis agisce.

Lo studio ha rivelato che l'uso frequente di cannabis forte era legato alla media significativamente più alta della diffusività (MD), un indicatore di danno nella struttura della materia bianca. Il dottor Tiago Reis Marques, un ricercatore senior dello stesso istituto ha detto: "questi danni della materia bianca era significativamente maggiori fra gli utenti di cannabis pesante ad alta potenza rispetto a utenti occasionali o bassa potenza ed erano inoltre indipendenti dalla presenza di un disturbo psicotico." I ricercatori hanno sollecitato maggiori indagini scientifiche circa i rischi connessi all'uso di cannabis. La dottoressa Dazzan ha detto: "c'è un urgente bisogno di educare i professionisti della salute, il pubblico e i politici circa i rischi connessi con l'uso di cannabis. "Come abbiamo suggerito in precedenza, nel valutare l'uso della cannabis è estremamente importante raccogliere informazioni sulla quantità e sul tipo di cannabis che viene utilizzata. "Questi dettagli consentono di quantificare il rischio di problemi di salute mentale e aumentare la consapevolezza sul tipo di danni che queste sostanze possono arrecare al cervello".